Alice nella città: “Petite maman” di Céline Sciamma è il miglior film

Kenneth Branagh premiato per la regia di “Belfast", racconto attraverso gli occhi di un bambino

Momento di bilanci, per l’edizione 2021 di Alice nella città, la sezione parallela e autonoma della Festa del cinema di Roma che anno dopo anno ha saputo ritagliarsi un posto di riguardo nel cuore del pubblico, non soltanto quello giovane, a cui, idealmente, si rivolge il suo programma.

“Petite Maman” di Céline Sciamma (qui la recensione) è il Miglior film della 19° edizione. La giovane giuria, composta da 30 ragazzi provenienti da tutta Italia, ha scelto di attribuire il riconoscimento al “delicato, elegante, profondo e poetico” film della regista francese per la sua “capacità di coinvolgere emotivamente e di trasportare lo spettatore, all’interno di un viaggio immersivo e nostalgico, in un mondo che fa della purezza e della semplicità i suoi punti di forza”. 

A Kenneth Branagh per “Belfast”, invece, il premio per la miglior regia “per essere riuscito attraverso lo sguardo di un bambino a raccontare una storia che mette i sentimenti più profondi al servizio di una tecnica esemplare”.

E nel giorno in cui ha annunciato i suoi vincitori, in un anno caratterizzato dal ritorno in sala del pubblico con oltre 23.000 presenze, 15.000 biglietti emessi e 6.000 accreditati, Alice nella città ha ricevuto un importante riconoscimento: la Medaglia del Presidente della Repubblica. Un’onorificenza che premia la vocazione di Alice, da sempre impegnata nella valorizzazione dei giovani talenti emergenti e del cinema che parla ai ragazzi e dei ragazzi.

Una scena del film “Petite maman” di Céline Sciamma (2021)

A seguire tutti i premi assegnati nell’ambito della 19° edizione di Alice nella città.

  • PREMIO MIGLIOR FILM – PETITE MAMAN di Céline Sciamma
  • PREMIO MIGLIOR REGIA – KENNETH BRANAGH per “Belfast”
  • PREMIO CAMERA D’ORO ALICE – MY MOVIES PER LA MIGLIORE OPERA PRIMA – SOFTIE di Samuel Theis
    Menzione speciale a “OLGA” di Elie Grappe
  • PREMIO RB CASTING – MADALINANMARIA JEKAL per FILM
  • PREMIO DO-CINE RISING STAR AWARD – SOPHIE BREYER (The Hive)
    Menzione speciale a ALIOCHA REINERT  (Softie)
  • PREMIO RAFFAELLA FIORETTA PER IL CINEMA ITALIANO – LA TANA di Beatrice Baldacci
  • PREMIO MIGLIOR CORTOMETRAGGIO – BIG di Daniele Pini  
    Menzione speciale a L’AVVERSARIO di Federico Russotto
  • PREMIO MIGLIOR REGIA CORTOMETRAGGI – JELENA VUJOVIC per WE WILL BE THE GREATEST
  • PREMIO RAI CINEMA CHANNEL – BIG di Daniele Pini
  • PREMIO LOTUS PRODUCTION – LA FLÛTE ENCHANTÉE di Geordy Couturiau
  • PREMIO PREMIERE – LE BUONE MANIERE di Valerio Vestoso
  • PREMIO PIETRO COCCIA – CHIARA PIERCAMILLI
Previous article“La ragazza del collegio”: recensione del romanzo di Alessia Gazzola
Next article“Petite maman”: un film che parla dell’infanzia e del timore della perdita
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here