“Bianco letale”: il 4 febbraio esce il nuovo libro di Robert Galbraith

J.K. Rowling torna a "nascondersi" dietro il suo pseudonimo per raccontare la storia di Strike e Robin

Dopo un’attesa lunga quasi tre anni, esce il 4 febbraio per Salani Bianco letale, il nuovo thriller di Robert Galbraith, lo pseudonimo dietro cui si nasconde la mamma di Harry Potter, J.K. Rowling.

“Bianco letale” è il quarto romanzo della serie con protagonista il detective Cormoran Strike, che insieme alla sua assistente Robin Ellacott risolve casi nella Londra di oggi. La serie si è aperta nel 2013 con “Il richiamo del cuculo”, per proseguire poi con “Il baco da seta” (2014) e “La via del male” (2016).

Nel nuovo giallo irrompe nell’agenzia investigativa il giovane Billy, in preda a una grande agitazione, per denunciare un crimine a cui crede di aver assistito da piccolo. Anche se Billy ha problemi mentali e fatica a ricordare i particolari, in lui e nel suo racconto c’è qualcosa di sincero, qualcosa che turba Cormoran. Ma prima che possa interrogarlo, Billy si spaventa e fugge via.

Cercando di scoprire la verità sulla sua storia, Strike e Robin, adesso divenuta socia del detective, seguono una pista tortuosa, che si dipana dai sobborghi di Londra alle stanze più recondite e segrete del Parlamento, fino a una suggestiva ma inquietante tenuta di campagna.

E se l’indagine si fa sempre più labirintica, la vita di Strike è tutt’altro che semplice: la sua rinnovata fama di investigatore privato gli impedisce di agire nell’ombra come un tempo e il suo rapporto con Robin è più teso che mai. Lei è senza dubbio indispensabile nel lavoro dell’agenzia, ma la loro relazione personale è piena di sottintesi e di parole non dette…

 

Previous article“Green book”: un viaggio spassoso tra pregiudizi razziali e differenze
Next articleNebbiaGialla: dal 1 al 3 febbraio a Suzzara il Festival del noir
Ligure di origini, vive in provincia di Novara da tre anni a questa parte per amore e per lavoro. Mamma blogger, adora il cinema, la lettura, l’arte e la moda. Scrive per diverse testate e spera in futuro di portare avanti un progetto tutto suo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here