“Black or white”: al cinema l’ultima fatica di Kevin Costner

di Simona Quadri

 

“Black or White” è il titolo dell’ultimo film di Kevin Costner, che arriverà nelle nostre sale il 5 marzo, e che vede tra i protagonisti anche l’attrice Octavia Spencer (premio Oscar nel 2012 come Miglior attrice non protagonista per “The Help”).

Rimasto vedovo dopo l’improvvisa morte della moglie, l’avvocato Elliott Anderson (Kevin Costner) affoga il suo dolore nell’alcol e si scontra con le difficoltà che derivano dal crescere la nipotina Eloise (l’esordiente Jillian Estell) da solo. L’esistenza della piccola viene letteralmente sconvolta quando la nonna paterna Rowena (Octavia Spencer) chiede che Eloise sia affidata alle cure del padre Reggie (Andrè Holland), un drogato che aveva abbandonato la figlia subito dopo la morte della madre, avvenuta per complicanze durante il parto. Ne scaturisce una terribile battaglia legale tra le due famiglie per l’affidamento, che fa emergere vecchie convinzioni e pregiudizi a lungo rimasti sopiti.

Il film è tratto da un fatto realmente accaduto, e ha consentito al regista Mike Binder (“Litigi d’amore”) e all’attore Kevin Costner di tornare a collaborare sul set.

La vicenda si pone a metà strada, a detta dei maggiori critici americani, tra il dramma e la commedia. La nonna paterna, infatti, si oppone con tutti i mezzi al fatto che la nipotina mulatta, orfana di madre, cresca all’interno di un quartiere di soli bianchi e tra persone con un certo tipo di mentalità, come il nonno materno.

Il film arriverà nelle sale italiane il 5 marzo, dopo essere stato già presentato al Festival di Roma. Le riprese sono state realizzate quasi interamente nella città di New Orleans.

Alle domande dei giornalisti, che l’hanno intervistato in merito a questo suo ultimo ruolo, Kevin Costner ha risposto che i tempi in cui era considerato semplicemente un sex symbol sono ormai passati e che adesso, per lui, è il momento di dedicarsi a progetti diversi, calandosi nei panni di personaggi più “intensi e articolati”.

Lo stesso attore, infatti, ha investito molto in questa pellicola – di cui in effetti è co-produttore – perché ritiene tocchi temi scottanti d’attualità e altresì delicati quali le battaglie legali, condotte in ambito familiare, per ottenere l’affidamento dei minori.

Se siete alla ricerca di un film intenso ed emozionante, ve lo consigliamo tra le uscite del prossimo week end. E naturalmente buona visione.

 

Previous articleNovità Libromania: dal 3 marzo due titoli di autori emergenti
Next articleBibliotecari si nasce o si diventa? Pro e contro di una professione
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here