Bologna Children’s Book Fair: incontri professionali, illustrazioni e Cina

Dal 26 al 29 marzo, negli spazi di BolognaFiere, la 55° edizione della Fiera del libro per ragazzi

di Carola Baudo

 

Si è aperta il 26 marzo la Bologna Children’s Book Fair, evento che da 55 anni a questa parte porta in Emilia Romagna il meglio dell’editoria e dei contenuti per bambini e ragazzi.

Nel corso degli anni la manifestazione si è trasformata nel più importante appuntamento internazionale dedicato allo scambio di copyright di libri per i più giovani, arricchito da una serie di eventi che ne fanno un momento culturale di prima grandezza per l’editoria specializzata.

Editori, autori, agenti letterari, stampatori, ma anche produttori cinematografici e televisivi, e insegnanti provenienti da tutto il mondo si incontrano tra i padiglioni di Bologna Fiere, per quattro giorni di scambio e condivisione, ma anche di formazione professionale.

In oltre 50 anni la Fiera è riuscita a coinvolgere un numero sempre più grande di operatori, ampliando il suo orizzonte fino a comprendere il mondo del digital publishing, delle app, dell’animazione e del licensing, diventando un appuntamento unico e imprescindibile. Una fiera che va oltre lo scambio di copyright e che sempre più si fa laboratorio creativo e culla di innovazione.

La prospettiva internazionale da cui BolognaFiere guarda all’editoria si è rafforzato negli ultimi anni sino a lanciare la nuova manifestazione professionale New York Rights Fair – la cui prima edizione si svolgerà nella Grande Mela dal 30 maggio al 1° giugno 2018 – e a diventare co-organizzatore, a partire da quest’anno, della China Shanghai International Children’s Book Fair (CCBF), dal 9 all’11 novembre 2018.

 

CINA OSPITE D’ONORE

Ospite d’onore dell’edizione 2018 è la Cina, presente con oltre 100 espositori e circa 3.000 titoli, tra libri di narrativa, albi illustrati, fumetti, libri dedicati alla lettura dei genitori ai propri figli, manuali per imparare la lingua cinese e libri di divulgazione scientifica, oltre a una grande mostra dedicata al meglio dell’illustrazione contemporanea cinese (150 le tavole originali opera di 30 illustratori).

Lo stand collettivo si articola in tre aree, una dedicata ai libri, una alle mostre e una agli incontri internazionali. Celebri autori cinesi per ragazzi, come Cao Wenxuan, vincitore del Christian Andersen Award, Han Yuhai e Yu Hong sono presenti in Fiera, insieme a illustratori ed editori cinesi, per scambiare pensieri e opinioni con la publishing community internazionale. E in più, un ricco programma di eventi e mostre viene realizzato anche in città, per il grande pubblico.

 

LA MOSTRA DEGLI ILLUSTRATORI

Anima del Centro Servizi della Fiera è la Mostra Illustratori, da oltre 50 anni un punto di riferimento per il mondo dell’illustrazione internazionale, fucina di nuovi talenti e vetrina delle tendenze più recenti dell’illustrazione di tutto il mondo. La Mostra propone una selezione di artisti di diverse culture, che intende porsi come una guida per tutti i professionisti che ogni anno si danno appuntamento in Fiera.

Dopo il successo della scorsa edizione, anche quest’anno le tavole degli 80 artisti selezionati da una importante giuria internazionale vengono proposte con l’allestimento ideato nel 2017: per ricreare la suggestione degli infiniti tavoli ricoperti di illustrazioni che si trovano davanti le giurie per selezionare i lavori, le opere sono infatti disposte orizzontalmente secondo un design nuovissimo.

 

GLI INCONTRI

La proposta di incontri di approfondimento del grande palinsesto della Fiera – quest’anno con più di 200 appuntamenti – si arricchisce di nuovi spunti con gli incontri organizzati da Bologna Children’s Book Fair: sette gli appuntamenti di questa edizione che vedono i più importanti protagonisti dell’editoria italiana e internazionale dialogare sulle novità e sulle tendenze in atto, per fare un punto dello stato dell’arte.

A partire dall’importante convegno, organizzato da BolognaFiere in collaborazione con il New York Times in occasione del 65° anniversario del Best Illustrated Children’s Books Award, e dalla conferenza internazionale dedicata ai Children’s Books On Art, Architecture & Design, per finire poi con un grande appuntamento in ricordo di Carla Poesio, con il congresso delle Librerie Indipendenti Europee, un incontro sugli audiobook, l’ormai consolidato Dust or Magic, organizzato in collaborazione con l’americana Children’s Technology Review, e la tavola rotonda Identity and Diversity of Latin American Illustration.

 

BOLOGNA DIGITAL MEDIA

BDM è un centro dinamico che offre a editori, sviluppatori, produttori televisivi e cinematografici, studi di animazione, artisti e autori la possibilità di partecipare a eventi, in cui sono present sia start-up che marchi affermati a livello mondiale. Quest’anno il padiglione ospita anche l’Illustrators Survival Corner, trasformando così l’intera area in uno spazio di incontro tra arte, narrazione e tecnologia.

Nell’edizione 2018 la realtà aumentata e gli audiolibri digitali rappresentano temi strettamente correlati, che associano l’universo della stampa all’universo digitale. Per tre giorni, dal 26 al 28 marzo, in questo spazio si tengono gli incontri del Digital Café, mentre nella Digital Conference Room trovano spazio eventi speciali, di maggiore durata, alcuni dedicati agli sviluppatori, altri agli editori e altri ancora agli insegnanti.

 

Previous article“Oh mio Dio!”: un progetto bizzarro ma efficace nel raccontare l’Italia
Next articleVenezia segreta: la Libreria Acqua Alta dove un problema diventa vanto
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here