Buoni propositi da lettori per il 2015

lettore illustrazioneIl 2014 sta per salutarci, e che 31 dicembre sarebbe senza una rapida analisi di quello che abbiamo fatto (o non fatto) in questi mesi e una nuova lista di intenzioni che ci ripromettiamo di mettere in atto a partire da domani?

Poco importa se verremo poi meno alla maggior parte delle voci nell’elenco, oggi ciò che conta è il pensiero.

Riprendendo un pezzo del Book Blog di Barnes & Noble, ecco una serie di buoni propositi da lettori per l’anno a venire.

 

  1. Smettere di leggere mentre si cammina.
  2. Non giudicare le persone in base ai libri che leggono.
  3. Non essere più intimiditi dal fatto che nei libri degli autori russi tutti i personaggi abbiano nomi simili, e leggerne uno.
  4. Recuperare tutti i libri dati in prestito nel 2014.
  5. Organizzare uno scambio di libri tra amici.
  6. Registrare in qualche modo – sui social, on-line oppure su carta – tutti i libri letti.
  7. Tornare a farsi rapire dai classici – e con questo termine intendiamo quelli centenari, scritti molti anni fa. Non sempre si ha il tempo di leggere (o rileggere) pietre miliari della letteratura come l’Odissea o Le mille e una notte – ma con tutti i nuovi titoli che escono ogni settimana come biasimarsi?
  8. Non abbandonare più la lettura di un libro prima di essere arrivati, quanto meno, a pagina 30.
  9. Approfondire la conoscenza di alcuni autori, leggendo più di uno dei loro romanzi.
  10. Smettere di leggere più di 3 libri contemporaneamente, se questo significa non dare il giusto tempo o il giusto spazio a ciascuno.
  11. Rileggere i libri che amiamo, senza sentirsi in colpa per il tempo che non stiamo dedicando a letture mai intraprese.
  12. Leggere il libro preferito di nostra madre/del nostro fidanzato/a/ del nostro migliore amico.
  13. Smettere di passare più tempo a leggere di libri che a leggere libri.
  14. Leggere i libri che ci sono stati assegnati al tempo della scuola, per desiderio e non per imposizione. E magari apprezzarli di più.
  15. Leggere il libro meno conosciuto di un autore famosissimo.

A voi la parola, amici lettori. Quali sono i vostri buoni propositi per il 2015? Quelli legati ai libri e alla lettura, ma anche quelli più generici, da applicare alla vita di tutti i giorni. Siamo davvero curiosi di conoscere tutte le intenzioni virtuose per l’anno a venire.

Previous articleSan Silvestro e la falsa “Donazione di Costantino”
Next article“The imitation game”: la storia vera di Alan Turing, genio incompreso
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here