Cartoline da Venezia 78: II anno pandemico, nuovo giro, nuova corsa

Le star internazionali tornano al Lido. C'è attesa per il "nuovo" red carpet e gli eventi mondani

Inutile girarci intorno: il futuro prossimo dei festival dal vivo passa dal successo sanitario di Venezia 77, dalla validità o meno del protocollo che è stato applicato e che sarà, in caso positivo, riproposto.

Un anno fa chiudevo così la mia ultima cartolina dalla Mostra del cinema (potete recuperarla qui nella sua interezza), aspettando di capire cosa sarebbe successo dopo due settimane.

Ebbene, alla vigilia di una nuova kermesse possiamo dirlo con fierezza italica (tornata quanto mai di moda, in questa estate di trofei e medaglie): il modello sanitario di Venezia 77 è stato un successo!

Il protocollo creato dal direttore Alberto Barbera insieme con il suo staff è stato riproposto, con qualche adattamento, nei mesi successivi sia in Italia che all’estero da (quasi) tutti i direttori di Festival, uniti nella strenua lotta contro il Covid 19.

Un anno dopo siamo ancora in piena emergenza sanitaria, ma qualche passo avanti è stato fatto. Oggi abbiamo il vaccino, il green pass, i tamponi veloci che affiancano le “raccomandazioni della nonna” – alias le norme igieniche – con cui abbiamo dovuto familiarizzare giocoforza.

Abbiamo anche i #NoVax, i #NoGreenPass e i #NoDittaturaSanitaria, il mondo è bello perché è vario (?). Io ci ho provato a dare vita al movimento #NoVenezia 78, ma la direttora Turillazzi ha messo in campo “metodi cinesi” per soffocare la protesta sul nascere.

Ergo dodici mesi dopo mi accingo, per il secondo anno pandemico e il sesto in assoluto, a fare la valigia per Venezia consapevole che sarà nuovamente una Mostra blindata, sanificata e distanziata, ma più forte nell’anima e negli intenti.

Le grandi star americane, dopo la latitanza forzata del 2020, tornano al Lido con film di grido, attesi da pubblico e critica. Capiremo in loco se e come sarà consentito il red carpet delle vanità, dopo il muro dello scorso anno e soprattutto le vacche magre riguardo feste e buffet.

Un’immagine del nuovo film di

Sarà una Venezia 78 all’insegna della prenotazione compulsiva e della disperata corsa contro il tempo, per riuscire ad accaparrarsi un posto in sala e magari farlo prima che il sistema vada in crash (non vogliamo fare gli uccelli del malaugurio, ma lo scenario è plausibile).

Noi di Parole a Colori siamo pronti a raccontarvi tutto questo e anche di più nel nostro consueto speciale. Avanti tutta, Venezia ci aspetta.

Previous article“L’ombra delle spie”: una spy story tesa, che adatta una storia vera
Next articleCartoline da Venezia 78: la vigilia delle due redattrici, “fisica” e “digitale”
È nato in Sicilia, ma vive a Roma dal 1989. È un proprietario terriero e d’immobili. Dopo aver ottenuto la maturità classica nel 1995, ha gestito i beni e l’azienda agrumicola di famiglia fino al dicembre 2012. Nel Gennaio 2013 ha aperto il suo blog, che è stato letto da 15.000 persone e visitato da 92 paesi nei 5 continenti. “Essere Melvin” è il suo primo romanzo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here