Cartoline dal Festival di Cannes 2019 | “Bull” e “La femme de mon frère”

Di prime delusioni - e primi ingressi bloccati in sala - ed esordi al femminile a Un certain regard

Il giornalista propone, ma alla fine sono il Festival di Cannes e la sua rigida programmazione ad avere l’ultima parola. Il povero inviato può anche alzarsi all’alba e correre da una parte all’altra cercando di incastrare più film possibili, ma basta un disguido o un piccolo ritardo per far saltare il banco.

“Desolato, la sala è piena” e “Spiacente, la proiezione è già iniziata” sono le frasi che il vostro inviato vorrebbe non sentire mai. Ma succede, anche se siamo solo al secondo giorno di Festival.

La mia speranza di trovare conforto nella direttora si è infranta contro il suo imperturbabile: “No problem, Roberto, recuperarai nei prossimi giorni. Ma oggi cerca di portare a casa comunque qualche pezzo. Mica sei in vacanza”.

Ed eccomi qui, quindi, toppata la proiezione di “Les Misérables” di Ladj Ly, in concorso, a ripiegare sulla prima giornata di Un Certain Regard, sezione parallela ma altrettanto prestigiosa.

Ad aprire le ostilità sono state due esordienti, due registe: l’americana Annie Silverstein con “Bull” e  la canadese Monia Chokri con “La femme de mon frère”.

 

 

Previous article“Angry Birds 2”: pennuti e maialini verdi invadono la Croisette di Cannes
Next articleIntervista a Luca Fortino, regista e sceneggiatore di “Joe and the others”
È nato in Sicilia, ma vive a Roma dal 1989. È un proprietario terriero e d’immobili. Dopo aver ottenuto la maturità classica nel 1995, ha gestito i beni e l’azienda agrumicola di famiglia fino al dicembre 2012. Nel Gennaio 2013 ha aperto il suo blog, che è stato letto da 15.000 persone e visitato da 92 paesi nei 5 continenti. “Essere Melvin” è il suo primo romanzo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here