Cartoline dal Festival di Cannes 2021: “Nitram” e “The restless”

Il concorso ufficiale si chiude nel segno della follia, con il film australiano e quello belga

Alla fine di un Festival del cinema, lo dico per chi non ha mai avuto il piacere di vivere l’esperienza sulla propria pelle, ti senti un pugile suonato, un ubriaco, qualcuno che soffre il mal di mare. Sei diventato “l’uomo senza sonno”, senza però avere il fascino di Christian Bale. 

Il vostro inviato, poi, già di per sé non proprio brillantissimo, dopo dodici giorni in quel di Cannes rischia seriamente il ricovero alla neuro, Covid permettendo.

Il previdente Frémaux, conoscendo tali criticità, ha visto bene di chiudere le proiezioni dei film in concorso nel segno della follia, con “Nitram” dell’australiano Justin Kurzel e “The Restless” del belga Joachim Lafosse.

Due film, per quanto diversi, molto forti, coinvolgenti, intensi, che hanno lasciato un segno profondo nell’anima del vostro inviato. Vi consiglio caldamente di non vederli in successione, come ho fatto io, perché possono creare dubbi e ansie anche nella persona più centrata del mondo.

 

In entrambi i casi, le chance di premi questa sera sono alte – e meritate. 

 

Previous article“The restless”: la quotidianità di un pittore bipolare e della sua famiglia
Next articleFestival di Cannes 2021: Palma d’oro a “Titane” di Julia Ducournau
È nato in Sicilia, ma vive a Roma dal 1989. È un proprietario terriero e d’immobili. Dopo aver ottenuto la maturità classica nel 1995, ha gestito i beni e l’azienda agrumicola di famiglia fino al dicembre 2012. Nel Gennaio 2013 ha aperto il suo blog, che è stato letto da 15.000 persone e visitato da 92 paesi nei 5 continenti. “Essere Melvin” è il suo primo romanzo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here