di Paola Calefato

 

Febbraio è iniziato e per il mese delle maschere e degli scherzi, oltre che degli innamorati, ho pensato di proporvi tre titoli molto diversi tra loro, per il consueto appuntamento con i consigli di lettura.

Sono sempre io, Paola di My Po Blog, che ogni trenta giorni su Parole a Colori tira fuori dal cilindro tre romanzi, tra case editrici indipendenti e grandi nomi del settore, bestseller del momento e capolavori nascosti.

 

Il primo consiglio è un western all’italiana, ambientato in Maremma, leggendo il quale potrebbe sembrarvi di sentire in sottofondo una melodia firmata Sergio Leone, Il fuoco e la polvere di Mauro Garofalo, edito da Frassinelli.

Il Capitano Bosco è un uomo tutto d’un pezzo che sta dalla parte dei più deboli quando in Italia, nel 1862, i signorotti locali la facevano da padroni, forti della corruzione generale. Ma per l’uomo con la bombetta, il potente politico che sta cacciando i contadini dalle terre per costruire la ferrovia, mascherando i suoi loschi affari in nome dell’Unità d’Italia, è un pericoloso avversario. Per questo rapisce la bella Elena, giovane donna di cui è innamorato il Capitano Bosco, e scatena contro di lui un esercito di militari e la ferocia del sanguinario criminale Enrico Stoppa.

Un libro per: chi vuole scoprire (o riscoprire) la natura incontaminata della Toscana di un tempo, e per chi da piccolo amava i cowboy.

 

Nel cuore della notte è il secondo capitolo della trilogia familiare di Rebecca West, edita da Fazi, aperta lo scorso anno da “La famiglia Aubrey”.

Le bambine protagoniste del primo romanzo – le gemelle Mary e Rose, Cordelia, la cugina Rosamund – sono cresciute, e stanno cercando di venire a patti con la scomparsa del padre e trovare il loro posto nel mondo. Un mondo che sta però per essere sconvolto dallo scoppio della Prima guerra mondiale che porterà lutti e dolore. Riusciranno le donne Aubrey a farsi forza e a tornare a bere tè, disquisendo di filosofia e storia?

Un libro per: chi ama le saghe familiari che si intrecciano con la Storia.

 

Ultimo, ma non per importanza, Il censimento dei radical chic di Giacomo Papi, edito da Feltrinelli, libro chiacchieratissimo in queste settimane.

In un’Italia ribaltata – eppure estremamente familiare – se si cita Spinoza in un talk show in prima serata si finisce uccisi, come succede al professor Prospero, linciato sul pianerottolo di casa. Ed ecco allora che il ministro degli Interni istituisce il Registro Nazionale degli Intellettuali e dei Radical Chic, per proteggerli teoricamente. Ma in molti non ci cascano…

Un libro per: chi vuole aprire una finestra, venata di ironia, su quello che potrebbe essere il nostro futuro.

 

Per questo mese è tutto! Per approfondimenti, incontri, interviste e aggiornamenti di lettura non vi resta che seguirmi su Instagram e su MyPoBlog.

Per febbraio è tutto. Vi ricordo che sul mio blog potete trovare recensioni, interviste e approfondimenti, su questi tre romanzi e molti altri. Potete trovarmi anche su Instagram. Fatemi sapere quali letture vi terranno compagnia questo mese, quali avete apprezzato e quali no.

Su Parole a Colori ci risentiamo a marzo. Intanto, buone letture!

 

Previous articleBerlinale 2019: al via la 69° edizione del Festival internazionale del cinema
Next article“Hellhole”: una città ferita e le storie delle sue anime perdute e sole
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here