di Paola Calefato

 

Maggio è sicuramente uno dei mesi più amati – e attesi – dai lettori appassionati in Italia. È il mese della campagna nazionale per la promozione della lettura, ma anche quello del Salone Internazionale del libro di Torino (che si terrà quest’anno dal 9 al 13).

Se cercate qualche idea “da leggere” per questi 31 giorni ci sono come di consueto i miei consigli di lettura. Sono sempre io, Paola, autrice di My Po Blog, e come ogni mese sono qui per consigliarvi tre libri secondo me imperdibili, tra case editrici indipendenti e grandi nomi del settore, bestseller del momento e capolavori nascosti

 

Partiamo col botto, da un esordio. Una volta è abbastanza di Giulia Ciarapica, edito da Rizzoli, è il primo capitolo di una saga familiare che intreccia, come da tradizione di questo genere, le vicende personali alla Storia con la esse maiuscola.

L’Italia è appena uscita dalla guerra. A Casette d’Ete, un borgo sperduto dell’entroterra marchigiano, vivono le sorelle Annetta e Giuliana. Una è eccentrica e spavalda, l’altra inesperta e timorosa, ma nonostante questo sono unite da un amore viscerale. A metterlo a dura prova è Valentino: non supera il metro e sessantacinque, ha profondi occhi scuri e non si lascia mai intimidire. Attirato dall’esplosività di Annetta, finisce per innamorarsi e sposare Giuliana…

Consigliato a: chi ama le saghe familiari che hanno quel profumo di casa.

 

Il secondo consiglio è un giallo sui generis che ricorda però anche classici del calibro di “Dieci piccoli indiani” di Agatha Christie, al centro di diverse polemiche dal momento della sua uscita. Sto parlando di Le sette morti di Evelyn Hardcastle di Stuart Torton, edito da Neri Pozza.

Blackheath House è una maestosa residenza di campagna cinta da migliaia di acri di foresta, una tenuta enorme che, nelle sue sale dagli stucchi sbrecciati dal tempo, è pronta ad accogliere gli invitati al ballo in maschera organizzato da Lord Peter e Lady Helena Hardcastle. Gli ospiti sono membri dell’alta società, ufficiali, banchieri, medici ai quali è ben nota la tenuta degli Hardcastle. Diciannove anni prima erano tutti presenti al ricevimento in cui un tragico evento – la morte del giovane Thomas Hardcastle – ha segnato la storia della famiglia e della loro residenza, condannando entrambe a un inesorabile declino.

Consigliato a: chi ama i gialli, tra tradizione e innovazione.

 

Per l’ultimo libro di maggio usciamo un pochino dai binari della consuetudine, con un titolo adatto non solo ai grandi ma anche ai giovani lettori, dagli 8 anni in su. Il mio consiglio è Io, Leonardo Da Vinci di Massimo Polidoro, edito dal Battello a Vapore (Piemme).

Chi era veramente Leonardo da Vinci? Un genio che ha anticipato il Novecento? Un “alieno” catapultato dal futuro? Oppure, più semplicemente, un uomo incredibilmente acuto ma pur sempre un uomo del suo tempo? Massimo Polidoro ci conduce a spasso per la sua biografia, raccontando le cose meno note e più curiose del genio di Vinci.

Consigliato a: chi non smette mai di chiedersi “Perché?”.

 

Anche per questo mese mi fermo qui, nonostante di libri belli usciti di recente e non ce ne siano tantissimi. Per saperne di più non vi resta che seguirmi sui social e su My Po Blog.

Su Parole a Colori vi aspetto a giugno, con l’ultimo appuntamento di questa stagione prima delle vacanze. Ci saranno cinque consigli di lettura per voi, libri perfetti da mettere in valigia prima di partire. A presto!

 

Previous article“Buonasera Presidente”: una docu-fiction seriale al via su Rai Storia
Next article“Il diner nel deserto”: recensione del romanzo di James Anderson
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here