Ed eccoci – finalmente – arrivati a maggio, uno dei mesi che preferisco. Sarà per il clima caldo ma non ancora caldissimo, per le giornate che sembrano non finire mai. O più semplicemente perché in questi 31 giorni ci gustiamo tutta la bellezza dell’attesa, mentre poi, quando l’estate arriva davvero, in un attimo è già finita…

Come di consueto da marzo a questa parte, apriamo il nuovo mese con I consigli della Direttora (su Parole a Colori potete recuperare “le puntate precedenti”, in caso le abbiate perse). Perché cosa c’è di meglio di una buona lettura, per avvicinarsi all’estate e festeggiare le prime, caute riaperture?

Se cercate un libro interessante – oppure tre – da leggere in questi 31 giorni che ci auguriamo davvero segnino un cambiamento positivo per tutti, ecco i miei suggerimenti. Nel corso del mese, potrete trovare online su Parole a Colori anche le mie recensioni.

 

Iniziamo con PICCOLI PIACERI di Clare Chambers, in uscita per Neri Pozza il 6 maggio. Ambientato nell’Inghilterra degli anni Cinquanta, un romanzo di inaspettate seconda occasioni, che è diventato in breve tempo un vero e proprio caso editoriale mondiale, convincendo critica e pubblico. 

1957, la periferia di Londra. Jean Swinney è una giornalista di un giornale locale, intrappolata in una vita di dovere e di delusione da cui non c’è alcuna possibilità di fuga. Quando una giovane donna, Gretchen Tilbury, contatta il giornale per affermare che sua figlia è il risultato di un parto vergine, spetta a Jean scoprire se si tratta di un miracolo o di una frode. Mentre l’indagine capovolge la sua vita tranquilla, a Jean viene improvvisamente data un’inaspettata possibilità di amicizia, amore e – forse – felicità. Ma ci sarà, inevitabilmente, un prezzo da pagare.

Da leggere se… state cercando una lettura acuta e brillante, capace di imprimersi nella mente con semplicità.

 

Sempre il 6 maggio arriva in libreria, edito da Fazi, UN ESPERIMENTO D’AMORE di Hilary Mantel ed è questo il nostro secondo “titolo del mese”. Un romanzo inedito dell’autrice della monumentale trilogia sui Tudor, che qui si addentra in territori contemporanei, raccontando luci e ombre dell’amicizia al femminile fra complicità, gelosie, crudeltà autoinflitte. 

Carmel McBain è figlia unica di genitori cattolici irlandesi della classe operaia. Sua madre aspira a qualcosa di più per lei rispetto a ciò che la vita, nella loro desolata cittadina, ha da offrire, nutre grandi ambizioni per la figlia ed è determinata a superare le rigide barriere sociali dell’Inghilterra. Così spinge Carmel a ottenere una borsa di studio per la scuola del convento locale, e poi a sostenere gli esami per un posto alla London University. E Carmel non la delude. Ma il successo porta con sé un prezzo spaventoso. Carmel comincia un viaggio solitario che la porterà il più lontano possibile da dove è partita, sradicandola dai legami di classe e luogo, di famiglia e di fede. In fondo, sradicandola da se stessa: alla fine degli anni Sessanta, a Londra, si troverà di fronte a nuove preoccupazioni – sesso, politica, cibo e contraccezione – e dovrà affrontare una grottesca tragedia.
Da leggere se… siete alla ricerca di un romanzo acuto e scritto in modo perfetto, che racconta la fine degli anni ’70 e le sfide per le giovani di donne, di allora ma anche di oggi. 

 

Il lungo viaggio iniziato dai lettori e dalle protagoniste nel 2017 – con il romanzo “Le sette sorelle” (qui la mia recensione) – sta per concludersi. Uscirà l’11 maggio LA SORELLA PERDUTA, capitolo conclusivo della serie di sette romanzi firmata da Lucinda Riley e edita da Giunti.

Maia, Ally, Star, CeCe, Tiggy ed Electra: ognuna delle sei sorelle D’Aplièse ha compiuto un viaggio straordinario alla scoperta delle proprie origini, ma la costellazione delle Pleiadi da cui hanno preso i loro nomi è composta da sette stelle e nessuno ha ancora scoperto chi sia veramente e dove si trovi Merope. Mentre Ally e Maia sono ad Atlantis a guardare Electra in tv al Concert for Africa, l’avvocato Georg Hoffman arriva con una novità incredibile: sembra che finalmente ci sia una pista concreta per trovare la sorella perduta. Con l’indirizzo di una vigna e il disegno di un anello di smeraldo a forma di stella, ha inizio una staffetta che porterà le sorelle ad attraversare, letteralmente, il mondo intero: dalla Nuova Zelanda al Canada, dall’Inghilterra alla Francia e infine all’Irlanda, unite più che mai nella missione di completare la loro famiglia prima della commemorazione per la morte di Pa’ Salt. Una ricerca che le metterà sulle tracce di una donna che in realtà non vuole essere trovata… ma perché?

Da leggere se… volete sapere come si conclude la storia delle “sette sorelle”, naturalmente. Una storia che ci ha portato in questi anni in giro per il mondo, tra passato e presente, in una girandola di sentimenti e personaggi. 

 

E per oggi è tutto. Fatemi sapere nei commenti o sui social delle vostre letture di maggio – se ci sono romanzi che aspettate con impazienza, se avete avuto sorprese o delusioni. Con I Consigli della Direttora, posso già anticiparvelo, ci vediamo tra due settimane, il 15 maggio, per altre tre nuove uscite da non perdere questo mese. 
Previous article“Bad luck banging or loony porn”: un film provocatorio e ben girato
Next article“Collective”: un bel documentario costruito come un thriller investigativo
Avatar
Giornalista per passione e professione. Mamma e moglie giramondo. Senese doc, adesso vive a Londra, ma negli ultimi anni è passata per Torino, per la Bay area californiana, per Milano. Iscritta all'albo dei professionisti dal 1 aprile 2015, ama i libri, il cinema, l'arte e lo sport.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here