Ed eccoci arrivati ad aprile. Solo a me sembra che, nonostante le restrizioni e il fatto che – in pratica – si viva tra casa, lavoro (chi esce per andare a lavoro) e supermercato, il tempo in questo inizio di 2021 stia letteralmente volando?

Dopo i due appuntamenti di marzo (che potete recuperare qui, se non li avete letti), apriamo il nuovo mese con I consigli della Direttora. Perché non c’è niente di meglio di una buona lettura, per affrontare le feste. Quelle in lockdown o semi-lockdown in modo particolare.

Se cercate un libro interessante – oppure tre – da leggere in questi 30 giorni che sanno di festa e rinascita, nonostante tutto, ecco i miei suggerimenti. Nel corso del mese, potrete trovare online su Parole a Colori anche le mie recensioni.

 

Iniziamo con L’AMICA D’INFANZIA di Jessica Fellowes, in uscita il 13 aprile nella collana Il giallo Mondadori. Un gioco di specchi in cui le due protagoniste, Bella e Kate, sono a tratti complici, a tratti rivali, vittime e carnefici al tempo stesso. Un noir domestico a regola d’arte, dall’autrice dell’acclamata serie giallo-storica “I delitti Mitford”.

Nonostante le profonde diversità, Bella e Kate sono amiche fin da bambine: Bella, introversa e insicura, vive all’ombra di Kate che invece ha imparato a utilizzare il suo fascino per manipolare le situazioni e si nutre dell’ammirazione dell’amica. Quando i genitori di Kate si trasferiscono in un’altra città, questa tradisce la promessa di rimanere in contatto con Bella e sparisce. Molti anni dopo, si trovano a vivere nello stesso quartiere, entrambe adulte e sposate: Bella è un’artista affermata, Kate invece un’attrice di scarso successo, ma basta un attimo perché Bella ricaschi nella rete magnetica e pericolosa di Kate. Con il passare dei mesi la spirale di ambiguità della loro amicizia diventa sempre più feroce fino a degenerare durante una festa, dove Bella, complice l’amica, perde completamente il controllo. Una sera che segnerà per sempre il destino delle due donne con esiti drammatici.

Da leggere se… avete voglia di un noir domestico, con protagoniste due amiche che finiscono per tirare fuori il peggio l’una dall’altra. 

 

L’autrice svedese Camilla Läckberg, famosa in patria e in tutto il mondo per la serie di gialli ambientati nel paese di Fjällbacka, adattati anche per la tv, sta per tornare. Einaudi pubblicherà IL GIOCO DELLA NOTTEil 6 aprile, a ridosso delle feste. 

Quattro ragazzi, la notte di Capodanno. La festa, l’ebbrezza, un gioco in cui la posta diventa sempre più alta. Camilla Läckberg scandaglia gli abissi dell’adolescenza e il luogo più oscuro e minaccioso che ci sia: la famiglia. Mentre fuochi cadono come paracaduti colorati e girandole luminose esplodono in cielo, Max, Liv, Anton e Martina festeggiano tra di loro la fine dell’anno. Ragazzi ricchi, belli, viziati per il mondo indossano una maschera impeccabile, dietro cui però nascondono odio e dolore. Il catering serve aragoste, caviale, champagne e i quattro attingono anche alle bottiglie da collezione che sono in cantina. Amoreggiano, fumano, spiano i genitori nella casa vicina. E iniziano a giocare. Dapprima Monopoli, poi Obbligo o Verità. E ben presto un passatempo un po’ malizioso deflagra nell’occasione per mettersi a nudo e liberarsi, finalmente, del peso della verità.

Da leggere se… siete appassionati di gialli “nordici” e di storie con protagonisti giovani, viziati, che indossano una maschera per nascondere tutto il loro dolore. 

 

Il terzo e ultimo romanzo è SCRITTORI E AMANTI, il ritorno di Lily King dopo il grande successo di “Euforia”, in uscita per Fazi il 22 aprile. Il ritratto indimenticabile, traboccante di umorismo e dal ritmo travolgente, di una giovane donna, Casey, nel momento del passaggio tra la giovinezza e l’età adulta.

Casey è una ragazza di trent’anni che ha fatto un patto con se stessa: non pensare ai soldi e al sesso, almeno al mattino. Appassionata di letteratura e aspirante scrittrice, si è indebitata pesantemente per pagarsi gli studi e ora si ritrova a vivere in una piccola stanza ammuffita e a lavorare come cameriera. Rimane però aggrappata al sogno che quasi tutti i suoi vecchi amici hanno ormai abbandonato e, con ostinata determinazione, ogni mattina scrive. Di recente ha perso la madre, con la quale aveva un rapporto di confidenza profonda e che rappresentava, sebbene vivesse dall’altra parte del paese, la sua unica ancora affettiva. E infine, gli uomini: reduce dall’ennesima relazione fallita in maniera inspiegabile, girovagando per librerie e happening letterari, Casey incontra due scrittori che cambieranno le cose. Da una parte c’è Silas, giovane poeta gentile e sognatore spiantato quanto lei, dall’altra Oscar, maturo padre di famiglia, autore affermato prigioniero del proprio talento…

Da leggere se… cercare un libro ironico ma anche profondo, che racconta con acume il mondo di una trentenne di oggi.

 

E per oggi è tutto. Fatemi sapere nei commenti o sui social delle vostre letture di aprile – se ci sono romanzi che aspettate con impazienza, se avete avuto sorprese o delusioni. Con I Consigli della Direttora ci vediamo il 1 di maggio. 

Previous article“La mappa delle piccole cose perfette”: un loop teen e romantico
Next article“Long Island story”: recensione del romanzo di Rick Gekoski
Avatar
Giornalista per passione e professione. Mamma e moglie giramondo. Senese doc, adesso vive a Londra, ma negli ultimi anni è passata per Torino, per la Bay area californiana, per Milano. Iscritta all'albo dei professionisti dal 1 aprile 2015, ama i libri, il cinema, l'arte e lo sport.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here