“Darkest minds”: le 10 maggiori differenze tra il romanzo e il film

Personaggi eliminati, come la nonna di Ruby e Jack, dinamiche diverse, passaggi riscritti e rivisti

di Allegra Trotta

 

A spezzare la noia estiva, quest’anno, è uscito al cinema “Darkest Minds”, la trasposizione cinematografica del romanzo omonimo di Alexandra Bracken, pubblicato nel 2012, e primo di una serie.

Nelle librerie italiane il romanzo è arrivato in contemporanea al film, mentre gli altri titoli della saga – “Never Fade”, “In the Afterlight” e “Throught the Dark” – sono ancora inediti.

Film e romanzi sono medium diversi ed è normale, e anche giusto, che tra due versioni di una stessa storia ci siano delle differenze. Alcune sono interessanti, altre meno. Capita ad esempio che la trama e i personaggi risultino completamente diversi da un format all’altro, e questo solitamente fa infuriare i lettori, oppure che sul grande schermo la storia risulti solo un pochino rimaneggiata.

Tornando a “Darkest minds” abbiamo scelto per voi le 10 differenze più significative tra scritto e video, differenze che potrebbero anche ripercuotersi sulle future trasposizioni della serie.

 

1 Nel film vediamo Ruby farsi portare da Liam, Ciccio e Zu a casa dei suoi genitori, i quali, però, non si ricordano di lei. Nel romanzo, Ruby parla di una nonna, a cui è molto affezionata. Il personaggio è stato eliminato dal film.

2 Nel film i Gialli sono considerati poco pericolosi e vengono lasciati liberi di girare per il campo. Nel romanzo, al contrario, insieme ai Rossi e agli Arancioni fanno parte dei  ragazzi altamente pericolosi. Inizialmente sono presenti nel campo, dopo un paio di anni dall’arrivo di Ruby vengono portati via e nessuno sa più niente di loro.

3 Al cinema sembra che Ruby sia l’unica Arancione nel campo, perché il personaggio di Martin è stato eliminato.

4 Nel libro, a differenza del film, Liam cerca Slip Kid non solo per il desiderio di ritrovare la sua famiglia e quella dei suoi amici, ma anche per un obiettivo più grande: farsi aiutare a organizzare un’evasione di massa dei ragazzi presenti in tutti i campi degli Stati Uniti.

5 Nel film Liam e Ruby si baciano poco prima di essere trovati da Lady Jane. Nel romanzo il tempismo è lo stesso, ma durante questo bacio lei gli cancella il ricordo. Era entrata per sbaglio nella sua mente a causa del contatto fisico e, nel ritrarsi troppo bruscamente, si è portata via un brandello di memoria. Per tutto il libro, Ruby non gli confesserà mai l’accaduto.

6 Ciccio, nel film, è un Verde, nel romanzo no ed è proprio per questo motivo che non riusciva a risolvere l’indizio sulla posizione di East River. Indizio che, al contrario del film, quando incontrano Ruby, nel libro, hanno già ottenuto.

7 Nel romanzo Zu non rimane al campeggio di East River fino allo scontro, come accade nella versione cinematografica, ma parte qualche settimana prima insieme a sua cugina e ad altri ragazzi.

8 Nel film vediamo Clancy collaborare con l’esercito per catturare i ragazzi. Nel romanzo, invece, lascia Thormund convincendo i medici e anche suo padre, il Governatore, di essere stato riabilitato.

9 Un esercito di Rossi arriva al campeggio, nel film, dopo che Clancy ha inviato loro un messaggio. Nel romanzo la dinamica è diversa. Clancy non è d’accordo col governo, ma ha fatto creare un esercito piegandolo poi al suo comando. Quando rivela la posizione del campeggio lo fa convinto che verranno inviati i “suoi” Rossi, non le Forze Speciali Psi su cui non ha controllo.

10 In seguito all’attacco dell’esercito di Rossi, nel film, Ciccio viene ferito e Ruby non può far altro che chiamare la Lega. Nel libro non vediamo mai i ragazzi Rossi, Liam, Ruby e Ciccio riescono a lasciare East River dopo che è stato attaccato dai militari e il ferimento di quest’ultimo avviene in tutt’altro modo.

 

Queste sono le 10 differenze più significative tra il film e il libro “Darkest Minds”, ma non sono le uniche… Siete curiosi di conoscere anche le altre? Date un’occhiata al pezzo sul mio blog, Libri, Sogni e Realtà.

Vi saluto e se vi è piaciuto l’articolo o avete qualcosa da aggiungere commentate, condividete e lasciate un mi piace.

 

Previous article“Shakespeare and Company”: la storia della libreria parigina… in un libro
Next articleLIBROMANIA: una rubrica per parlare di libri, novità e tendenze editoriali
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here