In vista dell’estate mi metto a dieta! Ecco i consigli per farlo correttamente

Come affrontare la prova costume, vivere la dieta in modo sereno e abbracciare uno stile di vita sano

di Giulia Masserdotti

 

Alzi la mano chi ancora non si è fatto (o meglio fatta, perché mi rivolgo soprattutto alle signore) prendere dall’ansia per la stagione estiva ormai alle porte, per la forma fisica e per la fantomatica prova costume. Ma esiste un modo per affrontare questo periodo al meglio?

La parola d’ordine, strano a dirsi, è calma. È importante non farsi sopraffare dallo stress o dall’impulso di impegnarsi in diete last-minute, non solo dannose per la salute ma anche controproducenti. Se certe diete drastiche permettono infatti di perdere diversi chili in poco tempo, è molto facile, dopo, riprenderli tutti, e con gli interessi!

Ecco allora che il metodo migliore per perdere peso e sentirsi meglio con il proprio corpo è la costanza, una dieta bilanciata unita a uno stile di vita sano. Vediamo insieme alcuni consigli pratici da seguire, per non stressare il corpo e neppure la mente.

1. Non saltare i pasti. Da una parte, così facendo, si arriva al pasto successivo con una fame da lupi e si tende poi a mangiare più del dovuto; dall’altra far passare troppo tempo tra un pasto e l’altro contribuisce al rallentamento del metabolismo corporeo, con conseguente difficoltà a perdere peso.

2. Non pesare gli alimenti in modo maniacale. Questa abitudine aumenta il livello di stress e fa vivere come un fatto limitante l’essere a dieta. Oltre tutto, a lungo andare, può diventare demoralizzante e portare ad abbandonare la dieta stessa, vista come una tortura, un’imposizione, una punizione.

3. La prospettiva è importante. La dieta va vista come un regalo che facciamo a noi stessi, un regalo per sentirci meglio, più in forma e più belli, non come una punizione. Concesso uno strappo alla regola settimanale, che rigenera psicologicamente.

4. Bere tanta acqua durante l’arco della giornata. Questo porta a sentire meno la fame e aiuta a drenare l’organismo.

5. Sfruttare ogni occasione per fare movimento. Se andare in palestra può essere difficile, non lo è altrettanto evitare di prendere l’ascensore e fare invece le scale, andare a piedi al negozio vicino casa invece di prendere la macchina. Piccoli accorgimenti per una vita più sana.

6. Una dieta ricca di vitamine, minerali e fibre aiuta a star bene e a essere più tonici. Prediligete prodotti di stagione, freschi e non confezionati. Divieto di cittadinanza ai cibi precotti, inscatolati e ricchi di grassi. Via anche gli alcolici, i fritti, salumi e formaggi, e ovviamente i dolci.

 

Ma insomma, in pratica, cosa e come si dovrebbe mangiare?

Lo avrete letto migliaia di volte: la colazione non è solo importante, è fondamentale! Iniziamo la giornata in modo sano, scegliendo alimenti nutrienti e pochi zuccheri. Sì a tè, fette biscottati, yogurt, cereali. No a prodotti confezionati come merendine.

Stesso discorso vale per lo spuntino di metà mattinata, e per quello di metà pomeriggio. Attenzione al caffè, che se zuccherato non diventa propriamente un alleato.

Capitolo pranzo (e cena). Se amate la pasta, non rinunciatevi del tutto, ma fate attenzione ai condimenti. L’ideale sarebbero olio e parmigiano, o magari un sugo semplice di pomodoro. Attenzione ai piatti: meglio usarne di piccoli – e pieni – che di grandi e semi-vuoti.

Le verdure sono le nostre migliori amiche: contengono poche calorie e possono essere consumate in quantità (facendo attenzione ai condimenti). e ci fanno sentire presto sazi, vale sempre la regola del poco condimento. I carboidrati non sono il nemico ma vanno consumati con moderazione. Per secondo benissimo carne bianca e pesce.

La dieta dovrebbe essere vista come l’occasione per migliorare il proprio stile di vita, e abbracciarne uno più sano che possa poi diventare il nostro tutto l’anno – non solo al momento di indossare il costume. Per questo l’auto-costrizione è controproducente. Meglio piccoli gesti di affetto verso noi stessi e regole applicabili nella vita di tutti i giorni.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here