“Don’t forget to breathe”: un film intimo e delicato sul primo amore

Martin Turk dirige un piccolo gioiellino cinematografico, con una fotografia davvero azzaccata

Un film di Martin Turk. Con Matija Valant, Tine Ugrin, Klara Kuk, Ronja Matijevecm Jerman, Iva Krajnc. Drammatico, 91′. Slovenia, Italia, Croazia 2019

Il quindicenne Klemen vive con il fratello più grande Peter e la madre single in una remota cittadina rurale. La ben consolidata routine di Klemen, fatta di giornate col fratello sul campo da tennis e in riva al fiume, viene interrotta dall’improvvisa e appassionata relazione di Peter con la bellissima coetanea Sonja. Questo scatena in Klemen un torrente di emozioni contrastanti e di azioni spericolate.

 

Il film italo-sloveno “Don’t forget to breathe” di Martin Turk, presentato in concorso ad Alice nella città, racconta un triangolo sui generis: quello che coinvolge Peter, il fratello quindicenne Klemen e Sonja.

Un film intimo, delicato, che parla di crescita, di adolescenza, di amore e di incomprensione. La ricerca di libertà di Peter è direttamente proporzionale al bisogno di lui che ha Klemen. Il ragazzino attribuisce l’allontanamento di Peter all’arrivo di Sonja, mentre in realtà ciò che il fratello cerca è solo un po’ d’aria, una liberazione dal senso di  soffocamento generato dalla famiglia.

La palette pastello ricorda a tratti Wes Anderson, a tratti Luca Guadagnino. Sicuramente la fotografia è degna di nota, con l’intenso gioco di ombre e luci e le inquadrature con macchina fissa.

Molto interessante è anche la struttura della sceneggiatura: si comincia con una premessa tenue, si prosegue con uno sviluppo deciso, si chiude con un finale dolce e amaro. “Don’t forget to breathe” è nel complesso un gioiellino, che sicuramente farà parlare di sé.

 

Previous article“Miserere”: un viaggio irresistibile prima nella solitudine, poi nell’orrore
Next article“Mickey and the bear”: un racconto intenso di resilienza al femminile
Classe 1996, marchigiana d’origine, studia comunicazione a Roma e ha trovato il modo di coniugare la passione per il cinema e quella per la scrittura... Come? Scrivendo sul e per il cinema dal 2015. Ha all'attivo diverse esperienze sul set, con registi del calibro di Matteo Garrone, e sogna un giorno di veder realizzato il suo film.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here