“Everything everywhere all at once”: un meraviglioso delirio senza limiti

Una Michelle Yeoh superlativa nel film che declina il multiverso in chiave comica e positiva

Un film di Dan Kwan, Daniel Scheinert. Con Michelle Yeoh, Stephanie Hsu, Ke Huy Quan, James Hong, Jamie Lee Curtis. Azione, 139′. USA 2022

Evelyn e il marito Waymond sono cinesi americani con una tipica impresa di famiglia: una lavanderia a gettoni. Sono però indietro con le tasse e devono presentarsi presso l’ufficio della IRS con vari documenti che giustifichino la detrazione delle spese. Della famiglia fanno parte anche il nonno materno Gong Gong e la figlia Joy, che è in una relazione lesbica mal digerita dalla madre. Nell’ufficio di Evelyn la banalità della sua vita viene travolta da una sconcertante missione: il multiverso è in pericolo e la donna, assumendo in sé le capacità delle proprie varianti da altri mondi, deve cercare di arrestare una misteriosa entropia cosmica.

 

Prima di Christopher Nolan, di “Interstellar” e della Marvel, le discussioni sul tempo e sui possibili mondi paralleli erano oggetto di studio da parte di scienziati e accademici e difficilmente avrebbero appassionato il grande pubblico.

Poi i produttori americani hanno avuto l’intuizione del potenziale del multiverso, ed ecco che un argomento specialistico e complesso è diventato popolare e ha appassionato miliardi di persone.

I supereroi di oggi non sono più chiamati a salvare solo la vecchia, cara Terra: devono confrontarsi con avventure che coinvolgono diverse linee temporali, versioni alternative di se stessi, catastrofi di dimensioni multi-planetarie.

Ma il tema può essere declinato anche in chiave meno catastrofica, e “Everything everywhere all at once”, rivelazione dell’anno negli Stati Uniti e in uscita solo adesso nelle nostre sale, ne è la dimostrazione.

Dan Kwan e Daniel Scheinert firmano una sceneggiatura imprevedibile, divertente, spiazzante, declinando i conflitti all’interno di una famiglia asiatica in un’inedita chiave fantasy. Lo spettatore è trascinato dentro una storia originalissima, al netto di qualche passaggio troppo lungo.

Non voglio rovinarvi la visione dilungandomi sulla trama, vi basti sapere che il punto di forza del film è sicuramente la protagonista Michelle Yeoh. Nel ruolo dell’infelice e repressa Evelyn, la Yeoh regala una performance davvero straripante, camaleontica, intensa, alternando momenti leggeri ad altri più drammatici e ad altri ancora da vera eroina.

Evelyn è stanca, disillusa da tutto e da tutti, sul punto di chiedere il divorzio al marito. Una donna talmente involuta e distratta da non accorgersi che questo suo atteggiamento rischia di condizionare negativamente il futuro della figlia Joy e del mondo intero…

“Everything Everywhere all at Once”, pur muovendosi all’interno di una cornice che potremmo chiamare di stampo Marvel, non rinuncia all’elemento orientale nelle scene di battaglia e soprattutto fa emergere con la giusta gradualità e intelligenza la sua vera identità introspettiva ed esistenziale.

Un film che ridisegna in modo inusuale i drammi e le incomprensioni familiari, portando avanti un racconto avvincente, divertente ed emozionante.

Previous articleWEEKEND AL CINEMA | 10 nuove uscite in sala dal 6 ottobre 2022
Next article“Close”: bullismo e accettazione di sé in una storia toccante e universale
È nato in Sicilia, ma vive a Roma dal 1989. È un proprietario terriero e d’immobili. Dopo aver ottenuto la maturità classica nel 1995, ha gestito i beni e l’azienda agrumicola di famiglia fino al dicembre 2012. Nel Gennaio 2013 ha aperto il suo blog, che è stato letto da 15.000 persone e visitato da 92 paesi nei 5 continenti. “Essere Melvin” è il suo primo romanzo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here