Ewan McGregor dirigerà l’adattamento di “Pastorale americana”

Pastorale americanaÈ una verità universalmente riconosciuta che un attore che ha vicino un buon agente è sempre alla ricerca di un film da dirigere. Spostarsi da davanti a dietro la macchina da presa è un desiderio diffuso nel mondo del cinema. Ebbene il prossimo in ordine di tempo a fare il grande passo sarà Ewan McGregor. La stella di Moulin Rouge e Trainspotting, infatti, sarà il regista dell’adattamento per il grande schermo di uno dei capolavori di Philip Roth, Pastorale Americana (se non conoscete il romanzo, qui potete leggere la recensione su Parole a Colori).

Il libro, che è valso al suo autore il Premio Pulitzer per la narrativa nel 1998, racconta la storia di Seymour Levov, detto lo Svedese, che sarà interpretato dallo stesso McGregor, un padre di famiglia che vede la propria vita andare in pezzi in seguito ai tumulti degli anni ’60.  Jennifer Connelly sarà Dawn, la moglie di Levov, una ex reginetta di bellezza che ha cercato, senza però riuscirci, di adattare se stessa all’idea di perfetta famiglia americana che il marito si era costruito. Dakota Fanning sarà invece Merry, la figlia della coppia, una ragazza all’apparenza normale che però finisce per perdersi, trascinata dal movimento di protesta contro la guerra in Vietnam.

Originariamente sarebbe dovuto essere Phillip Noyce (Salt, Il collezionista di ossa) il regista del film, ma quando questi ha fatto un passo indietro, McGregor si è fatto avanti, scegliendo di dirigere la pellicola e non solo di interpretare il ruolo principale. Per l’attore scozzese sarà la prima prova dietro la macchina da presa, almeno in un lungometraggio.

La sceneggiatura è stata scritta da John Romano (The Lincoln LawyerPrima ti sposo poi ti rovino).

Non è la prima volta che Hollywood decide di portare sul grande schermo il genio di Philip Roth. Nel 1969 Ali McGraw recitò in Goodbye, Columbus (ispirato a uno dei primi racconti scritti da Roth, alla fine degli anni ’50); nel 1972 il regista Ernest Lehman adattò e diresse Lamento di Portnoy; nel 2003 Anthony Hopkins e Nicole Kidman vestirono i panni dei protagonisti nell’adattamento della Macchia umana; nel 2008 è stata la volta di Ben Kingsley e Penelope Cruz in Lezioni d’amore (Elegy), adattamento del romanzo L’animale morente. Per finire, nel 2014 è uscito The Humbling, con Al Pacino, Greta Gerwig e Dianne Wiest nel cast, film basato sul romanzo di Philip Roth edito in Italia col titolo L’umiliazione.


 


Fonte 1
Fonte 2

Previous articleIl libro del male, James Oswald
Next article“The winds of winter” di George R. R. Martin NON uscirà nel 2015
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here