I FANTASTICI 4 | Film Leone d’Oro alla Mostra del Cinema di Venezia

Ogni settimana una selezione di pellicole a tema, tra film cult, volti noti e nomi da scoprire o riscoprire

Fino al 10 settembre gli occhi degli addetti ai lavori e del mondo intero saranno rivolti alla laguna di Venezia per la 73° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, anche nota come Biennale.

Dei film in gara e di quelli che verranno presentati fuori concorso sul Lido, così come delle numerosissime star di casa nostra e internazionali che calcheranno il red carpet, ne parlano già quotidiani e siti web (e anche Parole a Colori, con lo speciale dedicato all’evento).

Per il nuovo appuntamento con la rubrica “I fantastici 4”, dedicata al consiglio di pellicole a tema, al ritorno dalle vacanze abbiamo invece pensato di guardare indietro, rendendo omaggio a quattro vincitori dell’ambito Leone d’Oro.

 

AMLETO

Laurence Olivier è Amleto. (1948)
Laurence Olivier è Amleto. (1948)

Laurence Oliver dirige se stesso nel fedelissimo adattamento della tragedia di William Shakespeare. Vincitore di sette Oscar, incluso quello per il miglior attore protagonista, il film coinvolge lo spettatore forse più dell’opera teatrale grazie alla profondità di campo che solo la macchina da presa può garantire.

 

DESERTO ROSSO

Monica Vitti in una scena del film. (1964)
Monica Vitti in una scena del film. (1964)

Nono lungometraggio del regista Antonioni, il primo a colori, può contare su una fotografia dai toni memorabili, premiata in diverse occasioni. La messa in scena valorizza l’uso cromatico, che diventa il perno intorno al quale ruota la trama che esalta l’insofferenza verso l’apatia umana.

 

LA LEGGENDA DEL SANTO BEVITORE

Rutger Hauer in una scena. (1988)
Rutger Hauer in una scena. (1988)

Ermanno Olmi trasforma in un film cult il racconto autobiografico di Joseph Roth, con protagonista è un alcolizzato ex minatore che vive come un barbone a Parigi e viene un giorno toccato dalla Grazia. Leggerezza e vitalità caratterizzano quella che forse non è la migliore pellicola del regista, ma sicuramente la più spensierata, rivolgendosi a un pubblico ampio.

 

I SEGRETI DI BROKEBACK MOUNTAIN

Heath Ledger e Jake Gyllenhaal protagonisti deil film di Ang Lee. (2005)
Heath Ledger e Jake Gyllenhaal protagonisti deil film di Ang Lee. (2005)

Forse il più noto al grande pubblico dei film vincitori del Leone d’Oro. Il racconto drammatico ma dai toni intimistici dell’amore impossibile tra Ennis e Jack, due cowboy nell’America conservatrice degli anni ‘60. Fotografia e colonna sonora di prima qualità esaltano il valore dell’opera di Ang Lee.

 

Previous articleHalf&Half: da Seoul a New York, una foto per cancellare le distanze
Next articleChris Meledandri: tributo speciale della Biennale per il maestro dell’animazione
Nata a Napoli, a otto anni si trasferisce in provincia di Gorizia dove si diletta di teatro. Torna nella sua amata città agli inizi del nuovo millennio e qui si diploma in informatica e comincia a scrivere - pensieri, racconti, per poi arrivare al primo romanzo, "Anime". Nel frattempo ha cambiato di nuovo città e scenario, trasferendosi nelle Marche. Oggi conduce per RadioSelfie.it "Lo chiamavano cinema", un approfondimento settimanale sulla settima arte, e scrive articoli sullo stesso tema.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here