Festival della commedia italiana: a Formia si ride con la prima edizione

Sei film si contendono il titolo di miglior commedia italiana. Cortometraggi, mostre e rassegne

Va in scena a Formia, in provincia di Latina, fino a domenica 7 luglio, la prima edizione del Festival della commedia italiana. Otto serate, per scoprire o riscoprire il meglio che il cinema di casa nostra ha saputo regalare al pubblico, dai film storici a quelli recenti.

La direzione artistica è affidata a Fabrizio Conti, anche ideatore del format, Kristian Franzini, Ricky Tognazzi e Simona Izzo. Tra gli ospiti Lino Banfi, Gigi e Ross, Remo Girone, Valeria Marini, Stefania Sandrelli, Alessandro Tiberi, Victoria Zinny, Michela Andreozzi.

Sei film – selezionati da due giurie, una specializzata e una social – si sfidano per il titolo di migliore commedia italiana di sempre. Si tratta di “Benvenuti al Sud”, “Come un gatto in tangenziale”, “Ricomincio da tre”, “Febbre da cavallo”, “Il Marchese del Grillo”, “La vita è bella”.

I direttori artistici del Festival: Ricky Tognazzi, Simona Izzo, Kristian Franzini e Fabrizio Conti

Ma durante la kermesse è anche possibile rivedere, o magari scoprire per la prima volta, capolavori del genere comico nostrano come “Non ci resta che piangere”, “9 lune e mezza”, “Brancaleone alle Crociate”, “Amici miei”.

In programma, durante gli otto giorni di Festival, anche una rassegna pomeridiana per omaggiare “il grande” del cinema nostrano, Alberto Sordi, a 99 anni dalla sua nascita, con la proiezione di alcuni dei suoi capolavori, da “Il Marchese del Grillo” a “Il conte Max”. E ogni sera spazio ai cortometraggi, al mondo del web e ai suoi protagonisti.

Durante i giorni del festival, dalle 9 alle 19, presso la Corte Comunale, sarà inoltre possibile visitare la mostra “Stelle silenti – Le dive del muto italiano”, che espone una serie di foto e fotogrammi di grandi attrici che negli anni ‘10 e ‘20 illuminarono gli schermi di tutto il mondo.

Un appuntamento da non perdere, a Formia, per ridere con i grandi personaggi del passato e del presente e riscoprire magari alcune chicche nascoste.

 

Previous article“La mia vita con John F. Donovan”: un’opera intima ma fragile
Next articleWEEKEND AL CINEMA | 7 nuove uscite dal 4 luglio 2019
Campana doc, si laurea in scienze delle comunicazioni all'Università degli studi di Salerno. Internauta curiosa e disperata, appassionata di cinema e serie tv, pallavolista in pensione, si augura sempre di fare con passione ciò che ama e di amare fortemente ciò che fa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here