Fiaba ed erotismo: Anne Rice torna a scrivere della Bella Addormentata

Anne RIce, Beauty's KingdomDopo un silenzio durato 20 anni, Anne Rice, famosa soprattutto per la serie di libri “Le cronache dei vampiri”, torna alla saga che unisce erotismo e fiaba, che ha scritto con lo pseudonimo di A.N. Roquelaure tra il 1983 e il 1985.

Il libro, uscito in aprile in lingua inglese, riprende la storia della Bella Addormentata e del suo Re e si intitola “Beauty’s Kingdom”.

I primi tre libri della serie, usciti negli anni ’80 negli Stati Uniti, sono tornati di moda dopo che il successo delle 50 sfumature ha portato i lettori a riscoprire nuovamente la narrativa erotica. Le notizie parlano anche di una serie televisiva ispirata ai romanzi, che se verrà davvero realizzata potrebbe rendere Game of Thrones poco più che una soap opera per vecchiette.

Sesso, personaggi iconici, successo assicurato: non è difficile capire perché la Rice abbia deciso di tornare di nuovo nel mondo delle fiabe.

In Beauty’s Kingdom l’eroina del titolo e il marito, Re Laurent, tornano al regno dove sono iniziate le loro sensuali avventure nel 1983 (The Claiming of Sleeping Beauty). La storia era poi continuata nel 1984 con “Beauty’s Punishment” e nel 1985 con “Beauty’s Release”, che si concludeva con il matrimonio tra i protagonisti.

Nel nuovo libro, la Bella Addormentata e Laurent decidono di salire al trono nel regno dove si sono conosciuti e innamorati, dopo che la Regina Eleanor e il figlio sono morti in mare. I due nuovi regnanti hanno intenzione di preservare il sistema di schiavitù in vigore, ma adesso gli schiavi sessuali dovranno essere consenzienti e avere molto più potere decisionale rispetto al passato…

Quando Anne Rice iniziò a scrivere le avventure della Bella Addormentata, nei primi anni ’80, la sua intenzione era quella di esplorare il genere dei romanzi al femminile, con poche scene di sesso esplicito, ma una forte sensualità che permeasse ogni pagina dei libri. Il mondo a cui la scrittrice ha dato vita è tutto incentrato sulla realizzazione sessuale, con poco spazio per l’approfondimento psicologico o le trame secondarie (e questo ha fatto nel tempo storcere la bocca ai puristi del genere, per cui lo sviluppo caratteriale dei personaggi è importante tanto quanto il sesso).

All’epoca della prima pubblicazione, questa serie che unisce fiaba ed erotismo era rivoluzionaria. I lettori hanno mostrato di apprezzare la storia e lo stile ancora oggi. Staremo a vedere come andranno le cose con il quarto capitolo, Beauty’s Kingdom, che ancora non sappiamo se e quando verrà tradotto in italiano.


 

Previous articleRoma Fringe Festival: vincitori e vinti della quarta edizione
Next articleChi ha paura dell’uomo nero? Esce in Italia “The Babadook”
Ligure di origini, vive in provincia di Novara da tre anni a questa parte per amore e per lavoro. Mamma blogger, adora il cinema, la lettura, l’arte e la moda. Scrive per diverse testate e spera in futuro di portare avanti un progetto tutto suo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here