Fiction Rai 2021: attesi ritorni, nuovi personaggi e grandi storie

Ecco i titoli di punta della reti nazionali, che vedremo sul piccolo schermo nei prossimi mesi

Se c’è una cosa che il 2020 ci ha regalato in abbondanza, tra tante privazioni, sono stati i film, le serie tv e le fiction di qualità, da godersi comodamente dal divano di casa.

Tra tanti colossi internazionali, possiamo dire – con piacere! – che anche la Rai ha saputo dire la sua, potenziando il servizio di video-streaming RaiPlay e proponendo allo spettatore tante produzioni intriganti (pensiamo solo a Doc, che ha avuto un grandissimo successo).

Cosa dobbiamo aspettarci per l‘inverno e la primavera 2021? Tra attesi ritorni e nuove storie, il proseguimento del filone “biopic” e i documentari, c’è davvero di che essere soddisfatti. 

 

FICTION RAI 2021: GLI ATTESI RITORNI

  • Tornano le avventure del commissario Montalbano, l’amatissimo personaggio nato dalla penna di Andrea Camilleri e interpretato da Luca Zingaretti. “Il metodo Catalanotti” dovrebbe essere l’ultimo episodio della serie, dopo la scomparsa dell’autore siciliano (e anche del regista Alberto Sironi e dello scenografo Luciano Ricceri).
  • Nelle nuove puntate di “Che Dio ci aiuti”, in onda dal 7 gennaio, il Convento degli angeli trasloca ad Assisi, la città in cui Suor Angela (Elena Sofia Ricci) è cresciuta e ha trovato la vocazione. Suor Angela si troverà a fare i conti con un segreto, una ferita nascosta ma ancora aperta nella sua anima.

  • Grande attesa per la seconda stagione de “La compagnia del cigno” con Anna Valle e i sette giovani musicisti guidati da Alessio Boni, che ritroviamo alle soglie dell’ingresso nel mondo accademico del Conservatorio e alle prese con le sfide della maturità.
  • E su Rai2 tornano le indagini del vicequestore più scorretto e indisciplinato del piccolo schermo, Rocco Schiavone, nato dalla penna di Antonio Manzini e interpretato da Marco Giallini.

 

FICTION RAI 2021: LE NOVITÀ

Sono tante le novità in uscita nei prossimi mesi.

  • “Leonardo”, una grande coproduzione internazionale con Aidan Turner, Matilda De Angelis e Freddie Highmore, svela il mistero di uno dei personaggi più affascinanti ed enigmatici della storia, a cinquecento anni dalla sua morte.
  • “Il commissario Ricciardi”, ispirato ai romanzi di Maurizio De Giovanni e interpretato da Lino Guanciale, è un racconto coinvolgente che indaga sul senso ultimo della vita e del dolore sullo sfondo di una Napoli in chiaroscuro e degli anni ’30.

  • Dai romanzi di Gabriella Genisi, “Lolita Lobosco” rappresenta invece una moderna declinazione al femminile del giallo all’italiana ibridato con la commedia rosa. Luisa Ranieri veste i panni di un vicequestore a capo del commissariato di polizia a Bari, una donna in un mondo ostinatamente governato dai maschi.
  • E ancora “Mina Settembre” con Serena Rossi, ancora dalle opere di Maurizio de Giovanni, una serie dai toni brillanti che, con il giusto mix di commedia e giallo, mette in scena personaggi ricchi di umanità e luci e ombre della nostra società. Il racconto di un’assistente sociale empatica e del consultorio dove lavora, nel cuore pulsante di Napoli: il Rione Sanità.

  • Vittoria Puccini è protagonista dell’action-thriller al femminile “La fuggitiva”, che, con i toni del noir, racconta un’eroina in fuga, che deve difendersi dall’accusa di avere ucciso il marito e dalle ombre del passato.
  • “Cuori” con Daniele Pecci, Matteo Martari, Pilar Fogliati si ispira a una stagione d’oro della medicina in Italia e racconta le sfide umane e professionali di un gruppo di medici tanto geniali quanto ambiziosi in un reparto di cardiologia all’avanguardia dell’ospedale Molinette di Torino.
  • E ancora “La promessa” con Greta Scarano, Simone Liberati e Claudia Pandolfi percorre dodici anni di vita di una coppia per scoprire come l’amore si sia trasformato in odio e il segreto alle origini della loro storia.

 

LE STORIE BIOGRAFICHE E I DOCUMENTARI

Prosegue anche il racconto dei grandi personaggi italiani del passato, figure che hanno lasciato un segno nella storia, attraverso emozionanti TV movie.

  • Nel centenario della nascita, Cristiana Capotondi ha interpretato Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei Focolari, una donna coraggiosa che è stata in grado di cambiare il mondo con la sola forza del suo sogno e del suo credo (qui la nostra recensione).
  • Nel centenario della nascita del musicista italiano più famoso al mondo, Eduardo Scarpetta veste i panni di Renato Carosone in “Carosello Carosone”. Il racconto dell’ascesa ai vertici delle classifiche internazionali, di un’avventura piena di ritmo all’insegna della musica, del divertimento e della sperimentazione.
  • E ancora, con Carolina Crescentini, “La bambina che non voleva cantare” ripercorre l’infanzia e gli esordi di Nada, a partire da un paesino del livornese e dal mondo contadino dei primi anni Sessanta.
  • A cento anni dalla sua nascita, Rai Fiction ricorda anche Primo Levi, uno degli scrittori italiani più conosciuti all’estero, con “Questo è un uomo”. Una docu-fiction interpretata da Thomas Trabacchi per ricordare la vita dello scrittore piemontese che ha raccontato l’orrore dei campi di concentramento e che ha saputo ergere la sua storia a simbolo della più grande tragedia collettiva del Novecento.
  • Le porte dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù si aprono ancora una volta alle telecamere per raccontare storie di vita e di speranza dei piccoli pazienti del Bambino Gesù di Roma. La docu-fiction “Dottori in corsia” torna su Rai3 con il coinvolgimento di Federica Sciarelli come narratrice.
  • Infine, su RaiPlay arriva “Nudes”, un racconto antologico per raccontare e mostrare quali conseguenze può avere esporre o veder esposto il proprio corpo nudo nella dimensione online.
Previous articleTre libri per raccontare l’arrivo della Befana “che tutte le feste si porta via”
Next article“Onward – Oltre la magia”: un film Disney che punta sulla semplicità
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here