“Friends – The reunion”: una serata su Sky con gli amici di un tempo

Lo show riunisce lo storico cast della serie e tante guest star, per un'operazione nostalgia

Uno speciale diretto da Ben Winston. Con Jennifer Aniston, Courteney Cox, Lisa Kudrow, Matt LeBlanc, Matthew Perry, David Schwimmer. 2021. 104′

 

La nostalgia è un sentimento diffuso, comune, universale. Guardare vecchie foto, rivedere un film o una serie tv che abbiamo amato ci porta a ripensare al tempo passato, trasmettendoci un senso di (piacevole) malinconia. Ma percorrere il viale dei ricordi può rivelarsi una scelta saggia quanto scellerata…

Negli ultimi anni costruire grandi eventi riunendo i componenti del cast originale di show di successo del passato va molto di moda. Peccato che gli anni passino per tutti, e vedere certi “personaggi” attempati, rifatti o irriconoscibili non necessariamente fa felice il fan di un tempo.

È disponibile da fine maggio su Sky e NOW “Friends: The Reunion”. La serie, con le sue 10 stagioni per un totale di 236 episodi, ha segnato un’epoca televisiva, conquistando più generazioni in tutto il mondo. L’ultimo episodio, trasmesso il 6 maggio 2004, venne visto da circa 52,5 milioni di persone, diventando il quarto finale di serie più visto della storia della tv, nonché l’episodio più visto del decennio.

A diciassette anni di distanza, il canale HBO MAX ha richiamato in servizio i protagonisti di “Friends” per uno show-omaggio trasmesso in contemporanea in tutto il mondo il 27 maggio. Per una notte abbiamo potuto ritrovare Rachel, Chandler, Monica, Ross, Phoebe e Joey, e ridere con loro nei set iconici della serie, come il bar e l’appartamento.

Lo show è strutturato in tre momenti: l’arrivo di Jennifer Aniston, Courteney Cox, Lisa Kudrow, Matt LeBlanc, Matthew Perry e David Schwimmer sul set; l’intensa e coinvolgente lettura interpretativa dei copioni e i quiz sulle serie, in cui i protagonisti sono apparsi un po’ incerti; l’intervista con un emozionato James Corden, realizzata di fronte alla storica fontana, con gli amici seduti sul divano del Central Perk.

I mei due lettori mi concedano una cinica e personale considerazione preliminare: visto come il tempo e soprattutto il chirurgo hanno stravolto i volti dei nostri protagonisti, la mattina mi lamenterò meno davanti allo specchio, guardandomi.

Tornando a parlare di “Friends: The Reunion”, i dati d’ascolto e la miriade di interazioni social sembrano dimostrare come l’operazione, almeno dal punto di vista commerciale, sia stata ottima. Certo, accompagnare gli ormai ex ragazzi dentro gli studi è stato strano, e si è percepita anche tutta la loro emozione. 

Uno dei momenti più belli e toccanti è stato quello in cui fan in giro per il mondo hanno raccontato come la serie abbia influenzato positivamente le loro esistenze, rendendole in certi casi meno opprimenti.

Non ci permettiamo di esprimere considerazioni estetiche, se non che Lisa Kudrow e Matt LeBlanc sembrano aver avuto un approccio più positivo davanti al passare del tempo rispetto ad altri colleghi. La Kudrow è apparsa solare, divertente, pazza, la Phoebe di sempre, solo con qualche ruga in più. LeBlanc si è mostrato coi capelli bianchi, appesantito e vestito in modo casual. È risultato il più simpatico, naturale e rilassato.

Le carriere di Courteney Cox e di Jennifer Aniston hanno avuto una cresciuta esponenziale dopo la fine della serie, ma oggi le ricordiamo soprattutto per l’uso – o abuso? – di botox e affini. Matthew Perry e David Schwimmer, professionalmente in una fase calante, sono stati comunque al gioco, dando alla serata una nota comica.

Un ruolo di spicco nello speciale è stato ricoperto dalle guest star. Nel corso della serata abbiamo rivisto con piacere Reese Witherspoon (che in “Friends” interpretava la sorella di Rachel); abbiamo riso con Lady Gaga che ha duettato con Lisa Kudrow sulle note di “Gatto rognoso”. Justin Bieber, Cindy Crawford e Cara Delavingne, facendo sfoggio di grande auto-ironia, hanno sfilato con gli outfit più iconici della serie.

“Friends: The Reunion”, insomma, si è dimostrato nel complesso un viaggio nel passato sincero, affettuoso e convincente. E per qualche ora, seppure davanti a uno schermo o alla tv, ci siamo potuti sentire di nuovo giovani, in compagnia di vecchi ma straordinari amici.

Previous article“Pretty Guardian Sailor Moon Eternal”: operazione nostalgia su Netflix
Next articleStreaming addicted: cosa vedere online dal 7 al 13 giugno
È nato in Sicilia, ma vive a Roma dal 1989. È un proprietario terriero e d’immobili. Dopo aver ottenuto la maturità classica nel 1995, ha gestito i beni e l’azienda agrumicola di famiglia fino al dicembre 2012. Nel Gennaio 2013 ha aperto il suo blog, che è stato letto da 15.000 persone e visitato da 92 paesi nei 5 continenti. “Essere Melvin” è il suo primo romanzo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here