Giulia Ciarapica e il “mestiere” di book blogger: tutto quello che c’è da sapere

Nel libro edito da Francesco Cesati Editore la blogger offre consigli a chi sogna di scrivere per lavoro

di Chiara Bonelli

 

Di book blogger, oggi, si sente parlare sempre più spesso. Ma cos’è, precisamente, un book blogger? Cosa fa? E cosa spinge una persona, nel 2018, nonostante le previsioni catastrofiche sul comparto editoriale che si susseguono da anni, a scrivere di libri online?

Ce lo spiega Giulia Ciarapica, originaria di Casette d’Ete nelle Marche, laureata in filologia moderna e grande appassionata di letteratura, nel suo primo libro “Book Blogger. Scrivere di libri in Rete: come, dove, perché” uscito l’8 febbraio per Francesco Cesati Editore.

Il libro fornisce una sorta di guida per tutti coloro che sognano di fare della propria passione per scrittura e lettura un mestiere. Lei, Giulia Ciarapica, ci è riuscita. Il suo blog, Chez Giulia, è nato nel 2014 per raccontare le sue avventure letterarie e le ha dato la possibilità di farsi conoscere, tanto che oggi Giulia organizza eventi culturali.

Ma cosa serve, per essere un buon book blogger? Prima di tutto tanta passione, unita al desiderio di tenersi sempre aggiornati sulle nuove uscite e le nuove tendenze. Oggi è anche impossibile parlare di libri tenendosi a distanza dal mondo digitale: largo quindi ai social network (avere profili attivi e accattivanti è fondamentale per attirare il pubblico sul blog) e alle tecniche SEO.

Per ciò che riguarda il linguaggio, semplicità e immediatezza pagano sempre. Il pubblico cerca infatti articoli brevi, informativi ma anche divertenti, corredati magari da belle immagini e link ipertestuali.

Oltre a diffondere la passione per la letteratura, la Ciarapico porta avanti con successo il progetto “Surfing on books“, a cui partecipano scuole medie e superiori, con l’obiettivo di avvicinare i giovani al mondo dei libri, e magari guidare anche nella possibilità di intraprendere la “carriera” di book blogger.

Di fatto, cosa c’è di meglio che unire l’utile al dilettevole? La Ciarapica, almeno, ne è convinta, e attraverso i suoi profili social dimostra tutta la sua gioia per un lavoro nato dalla passione. Come ricorda ai follower e ai lettori, spesso è la determinazione nel perseguire un sogno e o un obiettivo a fare la differenza. Provare per credere!

 

Previous article“A bocce ferme”: tornano in libreria i delitti del BarLume di Malvaldi
Next article“Una luna chiamata Europa”: tra fantascienza e realismo crudo
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here