Harry Potter: la serie cinematografica in un canale dedicato su Sky Cinema

Dal 27 marzo all'11 aprile, per la prima volta, in programmazione tutti gli otto film

Per la prima volta un canale Sky Cinema cambia nome per accogliere una delle serie fantasy più amate degli ultimi anni, quella di Harry Potter. Dal 27 marzo all’11 aprile, sul 303 (e anche on demand e in streaming su NOW), verranno trasmessi tutti e otto i film della saga, campione di incassi al cinema. 

Le avventure del mago nato dalla penna di J.K. Rowling sono interpretato sul grande schermo da Daniel Radcliffe, con Emma Watson nel ruolo di Hermione Granger, Rupert Grint in quello di Ron Weasley e il compianto Alan Rickman che presta il volto dell’ambiguo insegnante di pozioni di Hogwarts, Severus Piton.

 

HARRY POTTER AL CINEMA

Al cinema, tutto ha inizio nel 2001 quando esce “Harry Potter e la pietra filosofale”, diretto da Chris Columbus. Nel giorno del suo undicesimo compleanno, Harry Potter scopre di essere il figlio orfano di due maghi e di possedere poteri magici. Alla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts dovrà affrontare un Mago Oscuro deciso a distruggerlo, ma troverà anche degli amici sinceri e una vera casa.

Un anno dopo ecco “Harry Potter e la camera dei segreti” di Chris Columbus. Le macchine volano, gli alberi reagiscono e un misterioso elfo domestico arriva a mettere in guardia Harry prima dell’inizio del suo secondo anno scolastico ad Hogwarts. Avventura e pericolo sono dietro l’angolo quando una scritta insanguinata su un muro annuncia che “La Camera dei Segreti” è stata riaperta. Per salvare Hogwarts a Harry, Ron ed Hermione serviranno intuito e una buona dose di coraggio.

Nel 2004 il regista premio Oscar Alfonso Cuaròn firma la regia di “Harry Potter e il prigioniero di Azkaban”. Nel loro terzo anno ad Hogwarts Harry, Ron ed Hermione incontrano il fuggitivo Sirius Black e imparano la delicata arte di avvicinare un Ippogrifo, mezzo cavallo e mezzo aquila, a respingere i Mollicci multiformi e a padroneggiare l’arte della divinazione. Harry deve anche affrontare i Dissennatori che succhiano l’anima, scontrarsi con un pericoloso lupo mannaro e scoprire la verità su Sirius e la sua relazione con Harry e i suoi genitori.

La regia del quarto capitolo della saga, “Harry Potter e il calice di fuoco”, viene affidata a Mike Newell. Harry entra misteriosamente nel Torneo Tremaghi, un’estenuante battaglia tra scuole di maghi dove deve misurarsi con un drago, demoni acquatici e un labirinto incantato, solo per ritrovarsi nella morsa crudele di Lord Voldemort. Tutto cambia, mentre Harry, Ron ed Hermione abbandonano l’età dell’innocenza e si trovano ad affrontare sfide che vanno oltre la loro immaginazione.

Il quinto film, “Harry Potter e l’ordine della fenice”, segna l’ingresso alla regia di David Yates (che dirigerà poi tutti i successivi film). Inizia la ribellione. Lord Voldemort è tornato, ma il Ministero della Magia cerca di tenere sotto controllo la verità, nominando a Hogwarts un nuovo professore di Difesa contro le Arti Oscure, assetato di potere. Ron e Hermione convincono Harry ad addestrare segretamente gli studenti per la guerra magica che li attende. Si prepara una terrificante resa dei conti tra il bene e il male.

È il 2009 quando esce al cinema “Harry Potter e il principe mezzosangue”. Con Lord Voldemort che stringe la sua presa sia sul mondo dei Babbani che su quello dei maghi, Albus Silente è intento a preparare Harry per la battaglia finale. Anche se la resa dei conti si avvicina, il romanticismo sboccia per Harry, Ron, Hermione e i loro compagni di classe. L’amore è nell’aria, ma il pericolo è in arrivo e Hogwarts potrebbe non essere più la stessa.

Nel 2010 e 2011 si susseguono in sala i capitoli finali della serie, “Harry Potter e i doni della morte – Parte 1 e Parte 2”. Harry, Ron ed Hermione sono determinati a rintracciare e distruggere gli Horcrux. Da soli e in fuga, i tre devono fare affidamento l’uno sull’altro più che mai, ma le Forze Oscure minacciano di farli a pezzi. Nell’epico finale la battaglia tra le forze del bene del male si trasforma in una guerra totale. La posta in gioco non è mai stata così alta, nessuno è al sicuro. E a Harry viene infine chiesto di compiere l’ultimo sacrificio…

 

Quando vengono trasmessi in chiaro (in Italia almeno una volta all’anno), i film di Harry Potter dimostrano di incantare ancora il pubblico come la prima volta. Siete pronti a gustarveli su Sky, per due settimane quando e come volete? Buona visione!

Previous article“Sulla stessa onda”: quando amare è avere il coraggio di farsi travolgere
Next articleDavid di Donatello: ecco le nomination della 66° edizione degli Oscar italiani
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here