Hello Everybody! Lezione n° 3

di Teacher Cate

 

Con un giorno di ritardo sul nostro calendario di appuntamenti, eccoci alla terza puntata di Hello Everybody!, la rubrica interattiva d’inglese ideata da Teacher Cate su Parole a Colori.

Ancora una volta voglio ringraziarvi per l’affetto e la stima che ci state dimostrando con i vostri messaggi e i numerosi “mi piace” alla pagina Facebook di Teacher Cate. Io e la redazione siamo contenti di aiutarvi nel rispolverare l’inglese, utilizzando un approccio diverso, quello divertente.

Prima di iniziare, una nota sulla struttura delle nostre lezioni o unità. In ciascuna troverete diversi contenuti, dai topic di discussione ai quiz interattivi. Vi basta cliccare sulle parole sottolineate per accedere alla scheda corrispondente. Ogni contenuto si apre in una nuova scheda, così non perderete niente. Vi ricordo anche che le soluzioni delle domande e di tutti gli esercizi che vengono proposti di volta in volta nel corso delle lezione – oltre a contenuti speciali – li trovate sulla pagina Facebook. Vi aspetto.

 

Iniziamo la lezione parlando di un topic di stretta attualità, visto il periodo: gli Inglesi e l’8 marzo.

 

Almeno in Italia, la Festa della donna è un’ottima occasione per uscire a divertirsi con le amiche. In Gran Bretagna, come abbiamo scoperto, non si aspetta l’8 marzo per farlo, ma i cocktail sono lo stesso di gran moda. Ecco allora servito il nostro secondo topic di discussione.

 

Dopo questa escursione storica nel mondo dei cocktail, un breve sondaggio tutto da sorseggiare. Aspetto le vostre risposte e i commenti sulla pagina Facebook.

 

Sulle bevande le cose da dire non finiscono, quasi, mai. Nella nostra scheda “Curiosità dall’Inghilterra” scopriamo insieme le curiosi origini del termine champagne.

 

Dopo una breve lezione di bon ton d’oltre Manica, ci addentriamo adesso nel difficile campo della pronuncia con il nostro words & pronunciation.

 

Anche per voi la pronuncia inglese è un tallone di Achille? Raccontatemi esperienze, errori e difficoltà sulla mia pagina Facebook.

Dopo il divertente caso della parola GOTHI torniamo a un argomento decisamente più leggero con il nostro vocabulary, dove vedremo il modo corretto per ordinare da bere e da mangiare in un pub.

 

Oggi nei pub inglesi non si gioca più solo a freccette (darts) o a biliardo come in passato: slot machine, video games e soprattutto pub quiz vanno di gran moda.

Chi ha avuto la fortuna di trascorrere del tempo in Gran Bretagna saprà che i pub quiz sono diventati una vera e propria istituzione. I clienti affezionati arrivano ogni settimana per partecipare a un quiz organizzato dal locale. Non sempre c’è un premio in palio, spesso si gioca solo per il gusto di divertirsi. Le domande possono essere di cultura generale, sullo sport, sulla musica.

Se la cosa vi affascina, vi do una notizia: non c’è bisogno di volare oltre Manica per provare. I pub quiz (come gli aperienglish, aperitivi in inglese, di cui avevamo parlato qualche tempo fa), stanno prendendo piede anche in Italia, nelle community degli amanti della cultura anglofona e non solo. Basta guardarsi intorno, per poter poi partecipare a un evento immersivo che vi costringerà a parlare inglese senza dover spendere un capitale per andare all’estero.

Che ne dite? Vi piacerebbero organizzarne qualcuno insieme? Fatemelo sapere sulla mia pagina.

 

E siamo purtroppo giunti al termine della terza lezione di Hello Everybody, la rubrica ideata da me, teacher Cate. Spero che vi sia piaciuto il tempo passato in compagnia mia e della lingua inglese. Vi aspetto sulla mia pagina Facebook per le soluzioni degli esercizi e dei quiz, ma anche per commenti, approfondimenti e domande.

That’s all from me for now. (Per adesso è tutto)

See you soon and don’t forget to have fun with your English! (A presto e non dimenticatevi di divertirvi con l’inglese!)

 

Previous articleIl consiglia-libro di marzo: scopri con il test la tua prossima lettura
Next articleIntervista all’attrice Claudia Gusmano
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here