I FANTASTICI 4 | Alla scoperta della regista Chloé Zhao e dei suoi film

Ogni settimana una selezione di pellicole a tema, tra film cult, volti noti e nomi da scoprire

È una dei personaggi del momento, entrata nella storia dell’Academy per essere la prima asiatica ad aggiudicarsi l’Oscar come miglior regista – e soltanto la seconda donna di sempre, dopo Kathryn Bigelow nel 2010. Ma chi è Chloé Zhao?

Nata a Pechino nel 1982, Zhao Ting è affascinata fin da ragazzina dalla cultura occidentale, tanto da ottenere di studiare in un collegio londinese a 15 anni e completare poi gli studi superiori a Los Angeles. Dopo alcuni brevi impieghi nel settore pubblicitario e immobiliare, oltre che come barista, studia cinema alla Tisch School of the Arts dell’università di New York.

Tra il 2008 e il 2011 scrive, dirige, monta e produce alcuni cortometraggi, presentati a diversi festival statunitensi. Nel 2015 arriva l’esordio nel lungometraggio – “Songs my brothers taught me” – e il resto è storia recente.

Nel nostro appuntamento di oggi con la rubrica “I Fantastici 4”, dedicata al consiglio di pellicole a tema, abbiamo deciso di parlare proprio di Chloé Zhao, presentandovi i quattro lungometraggi che a realizzato fino a oggi (l’ultimo, “Gli Eterni”, lo vedremo al cinema il 5 novembre).

 

SONGS MY BROTHERS TAUGHT ME

di Chloé Zhao. Con Irene Bedard, Eleonore Hendricks, Taysha Fuller, John Reddy, Cat Clifford. Drammatico, 98’. USA 2015

Johnny ha 18 anni, vive con la sorella dodicenne Jashaun e la madre in una casetta nella riserva indiana di Pine Ridge. La vita nella riserva è molto dura, caratterizzata dal diffuso abuso di alcol e dalla mancanza di prospettive di vita altre rispetto al girovagare. Per questa ragione Johnny ha in mente di andarsene insieme alla fidanzata, per provare a costruire una nuova vita a Los Angeles. Ma il legame affettivo con la sorella mette in discussione la sua scelta. Il film è stato presentato in concorso al Sundance Film Festival e alla Quinzaine 2015.

 

THE RIDER – IL SOGNO DI UN COWBOY

di Chloé Zhao. Con Brady Jandreau, Mooney, Tim Jandreau, Lilly Jandreau, Leroy Pourier, Cat Clifford Drammatico, 105′. USA 2017

Brady Blackburn, giovane cowboy e stella nascente del rodeo, apprende dal suo medico di non poter più cavalcare. Una brutta caduta lo ha disarcionato per sempre, sfondandogli il cranio in maniera quasi fatale. A fianco della sorellina, affetta dalla sindrome di Asperger, e in lotta col padre piegato dal lavoro e dalle responsabilità, cerca una nuova ragione di vita in un Paese che non fa sconti. Così come nel suo film precedente, Chloé Zhao utilizza un cast composto per la maggior parte da attori non professionisti, tra cui Brady Jandreau, un mandriano conosciuto durante le riprese di “Songs My Brothers Taught Me” e la cui vicenda personale è stata alla base della storia del film.

 

NOMADLAND

di Chloé Zhao. Con Frances McDormand, David Strathairn, Linda May, Charlene Swankie, Derrick Janis. Drammatico, 108′. USA 2020

Complice la crisi economica e la morte del marito, la sessantunenne Fern (McDormand) decide di prendere il suo van e di mettersi in viaggio per il vasto paesaggio del West americano. Così facendo, scoprirà cosa significa oggi vivere come una nomade, al di fuori di tutte le regole e le imposizioni della società. Il film che ha regalato alla Zhao il suo primo Oscar – e a Frances McDormand il terzo. Nel cast anche i nomadi Linda May, Charlene Swankie e Bob Wells, che interpretano se stessi. 

 

GLI ETERNI

di Chloé Zhao. Con Richard Madden, Angelina Jolie, Kumail Nanjiani, Dong-seok Ma, Salma Hayek. Azione, Drammatico, Fantasy. USA 2021

È stato presentato dalla Marvel proprio qualche giorno fa il nuovo film della Zhao, che si cimenta con il genere supereroico – “portando una voce nuova”, secondo le parole di una delle attrici protagoniste, Angelina Jolie. Una potente razza di esseri extra-terrestri è richiamata sulla Terra dallo scontro degli Avengers contro Thanos. Gli ultimi arrivati uniranno le forze contro il più antico dei nemici dell’umanità, i Devianti. Cast stellare e fan in fervente attesa. 

Previous articleLe avventure di una mamma lettrice: #4 Follonica
Next article“Volami via”: un remake incolore e deludente, che non passerà alla storia
Nata a Napoli, a otto anni si trasferisce in provincia di Gorizia dove si diletta di teatro. Torna nella sua amata città agli inizi del nuovo millennio e qui si diploma in informatica e comincia a scrivere - pensieri, racconti, per poi arrivare al primo romanzo, "Anime". Nel frattempo ha cambiato di nuovo città e scenario, trasferendosi nelle Marche. Oggi conduce per RadioSelfie.it "Lo chiamavano cinema", un approfondimento settimanale sulla settima arte, e scrive articoli sullo stesso tema.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here