I FANTASTICI 4 | Buon compleanno Monica Vitti, grande attrice ed enigma

Ogni settimana una selezione di pellicole a tema, tra film cult, volti noti e nomi da scoprire

Il 3 novembre ha compiuto 90 anni Monica Vitti, all’anagrafe Maria Luisa Ceciarelli (1931), donna e attrice straordinaria. Ha esordito a teatro, poco più che adolescente, nel ruolo di una cinquantenne. Il cinema è venuto dopo, ma non l’ha più lasciato – le pellicole che ha interpretato sono 53.

La sua ultima apparizione risale al marzo 2002. Vittima di una non specificata malattia degenerativa, Monica Vitti è come scomparsa nel nulla. E questo non ha fatto che alimentare il suo mito. Questa sera, venerdì 5 novembre, su Rai Tre in prima serata, potremo rivederla nel documentario di Fabrizio Corallo “Vitti d’arte, Vitti d’amore”. 

Intanto, nel nostro appuntamento con “I Fantastici 4”, la rubrica dedicata al consiglio di pellicole a tema, abbiamo voluto omaggiarla nel giorno del suo 90esimo compleanno attraverso quattro pellicole indimenticabili

 

L’AVVENTURA

di Michelangelo Antonioni. Con Gabriele Ferzetti, Monica Vitti, Lea Massari, Renzo Ricci, Dominique Blanchar, Dorothy De Poliolo. Drammatico, 140′. Italia 1960

Nel film che inaugura il sodalizio artistico e sentimentale tra lei e il regista Michelangelo Antonioni, Monica Vitti interpreta Claudia, una donna tormentata che inizia una relazione tormentata con il compagno di un’amica misteriosamente scomparsa. Il film è il primo capitolo della cosiddetta “tetralogia dell’incomunicabilità”, che comprende anche “La notte”, “L’eclisse”, di cui parleremo meglio più avanti, e “Deserto rosso”. I quattro film diedero all’attrice fama internazionale.

 

L’ECLISSE

di Michelangelo Antonioni. Con Monica Vitti, Francisco Rabal, Alain Delon, Louis Seigner, Lilla Brignone, Rossana Rory. Drammatico, 125′. Italia 1962

Terzo film della “tetralogia dell’incomunicabilità”, terzo film in cui Antonioni dirige Monica Vitti e ultimo girato da lui girato in bianco e nero. Dopo una deludente storia d’amore, l’inquieta Vittoria si lega a Piero (Alain Delon), giovane e cinico agente di cambio, solo per evadere dalla routine. Un episodio drammatico le farà comprendere la vera personalità dell’uomo che, come lei, non si recherà al seguente appuntamento.

 

LA RAGAZZA CON LA PISTOLA

di Mario Monicelli. Con Monica Vitti, Carlo Giuffré, Stanley Baker, Tiberio Murgia, Stefano Satta Flores. Commedia, 102′. Italia 1968

Dopo tanti ruolo drammatici, è Mario Monicelli, su proposta del produttore Fausto Saraceni, e “scoprire” l’anima comica di Monica Vitti, dirigendola in questa commedia. L’attrice interpreta Assunta Patanè, una ragazza siciliana che insegue fino in Scozia l’uomo che l’ha “disonorata” (Carlo Giuffré) con l’intento di vendicarsi. Il film ebbe un grande successo e contribuì notevolmente a ridefinire la carriera dell’attrice romana, soprattutto agli occhi del pubblico.

 

DRAMMA DELLA GELOSIA (TUTTI I PARTICOLARI IN CRONACA)

di Ettore Scola. Con Monica Vitti, Giancarlo Giannini, Marisa Merlini, Marcello Mastroianni, Corrado Gaipa. Commedia, 107′. Italia 1970

Ettore Scola dirige Monica Vitti, Marcello Mastroianni e Giancarlo Giannini in un film della cosiddetta “commedia all’italiana”. Muratore con moglie vecchiotta e figli non suoi a carico, Oreste (Mastroianni) si innamora della bella fioraia Adelaide (Vitti). Per lei lascia la famiglia, ma l’idillio d’amore è presto interrotto dall’entrata in scena del più giovane e aitante Nello (Giannini), pizzaiolo di origine toscana che, dopo essere diventato amico della coppia, finisce con l’innamorarsi, riamato, di Adelaide. All’iniziale trambusto, segue il tentativo dei tre di trovare una specie di grottesco accordo, ma la gelosia farà finire tutto in tragedia.

Previous article“The harder they fall”: un western solido, nuovo ma vecchia maniera
Next article“Il libro delle due vie”: recensione del romanzo di Jodi Picoult
Nata a Napoli, a otto anni si trasferisce in provincia di Gorizia dove si diletta di teatro. Torna nella sua amata città agli inizi del nuovo millennio e qui si diploma in informatica e comincia a scrivere - pensieri, racconti, per poi arrivare al primo romanzo, "Anime". Nel frattempo ha cambiato di nuovo città e scenario, trasferendosi nelle Marche. Oggi conduce per RadioSelfie.it "Lo chiamavano cinema", un approfondimento settimanale sulla settima arte, e scrive articoli sullo stesso tema.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here