I FANTASTICI 4 | Film ambientati su isole e spiagge leggendarie

Ogni settimana una selezione di pellicole a tema, tra film cult, volti noti e nomi da scoprire

Luglio, tempo di sole e di vacanze. Dopo un anno di duro lavoro, infatti, questo per molti italiani è il mese delle ferie – o quanto meno di qualche giornata o weekend al mare.

Nell’ultimo appuntamento della stagione con la rubrica “I Fantastici 4”, prima di salutarci fino a settembre, abbiamo deciso di farvi partire in anticipo.

Sì perché il cinema, nel corso della sua storia, spesso “è andato in vacanza”, ambientando storie iconiche su spiagge e isole. Ne abbiamo selezionate quattro, spaziando tra i generi e ovviamente i Paesi. Buone vacanze a tutti!

 

LAGUNA BLU – Turtle Island

di Randal Kleiser. Con Brooke Shields, Leo McKern, Christopher Atkins. Avventura, 104′. USA 1980

Turtle Island nelle Isole Fiji, set principale del film “Laguna Blu”. (1980)

Il veliero Northumberland naufraga in pieno oceano Pacifico. Si salvano in tre: il cuoco di bordo, Paddy Burton, e due bambini, Emmeline e Richard. Sull’isola deserta, i due, rimasti soli, cresceranno, affrontando anche i misteri dell’amore e del sesso. I magnifici paesaggi che fanno da sfondo al film appertengo in parte alla Giamaica, in parte alle Isole Yasawa, un arcipelago  della Divisione occidentale delle isole Fiji. La location principale è l’isolotto di Nanuya Levu, conosciuto anche come Turtle Island.

 

CAST AWAY – Monuriki

di Robert Zemeckis. Con Tom Hanks, Helen Hunt, Chris Noth, Paul Sanchez, Lari White, Leonid Citer. Drammatico, 140′. USA 2000

L’isola di Monuriki nelle Fiji è la location del film “Cast away” (2000)

Chuck Noland è un agente di una compagnia di trasporti. Vive a Memphis, e ha una ragazza, Kelly, di cui è molto innamorato. Durante uno dei suoi viaggi di lavoro, il suo aereo precipita in mare. Si salva miracolosamente e si trova su un’isola deserta. Solo. Qui dovrà fare di tutto per sopravvivere. L’isola in questione esiste davvero: è Monuriki, nell’arcipelago Mamanuca nelle isole Fiji.

 

THE BEACH – Ko Phi Phi Lee

di Danny Boyle. Con Leonardo DiCaprio, Virginie Ledoyen, Tilda Swinton, Guillaume Canet, Hélène De Fougerolles. Commedia, 134′. USA 2000

La location principale del film “The beach” è la baia di Ao Maya, sull’isola Ko Phi Phi Lee, in Thailandia.

Richard è un turista americano in cerca di avventure nell’esotica Thailandia. In un albergo di Bankok incontra Daffy, che gli parla di un’isola segreta e paradisiaca e gli fa dono di una mappa per raggiungerla. In compagnia di una coppia di giovani francesi, Etienne e Francoise, Richard decide di partire per trovarla… Tra le diverse location in cui è stato girato il terzo film di Danny Boyle, quella che compare più di frequente è la baia di Ao Maya, sull’isola Ko Phi Phi Lee in Thailandia.

 

MAMMA MIA! – Skopelos

di Phyllida Lloyd. con Meryl Streep, Pierce Brosnan, Colin Firth, Stellan Skarsgård, Julie Walters, Dominic Cooper. Commedia, 108′. USA, Gran Bretagna, Germania 2008

La fittizia isola di Kalokairi, ambientazione di “Mamma mia!”, è in realtà l’isola greca di Skopelos. 

Grecia, 1999. La giovane Sophie sta per sposarsi, e ha un sogno: conoscere suo padre e farsi condurre da lui all’altare. Leggendo il diario della madre Donna, una ex figlia dei fiori, oggi proprietaria di un piccolo hotel sul mare a Kalokairi, la ragazza scova i nomi dei suoi tre potenziali padri, e li invita al matrimonio. A far da sfondo alla storia, sulle musiche travolgenti degli Abba, l’isola greca di Skopelos.

Previous articleNotti Bianche del cinema: 48 ore di eventi per tornare a vivere la sala
Next article“Mi chiedo quando ti mancherò”: un viaggio on the road tenero e graffiante
Nata a Napoli, a otto anni si trasferisce in provincia di Gorizia dove si diletta di teatro. Torna nella sua amata città agli inizi del nuovo millennio e qui si diploma in informatica e comincia a scrivere - pensieri, racconti, per poi arrivare al primo romanzo, "Anime". Nel frattempo ha cambiato di nuovo città e scenario, trasferendosi nelle Marche. Oggi conduce per RadioSelfie.it "Lo chiamavano cinema", un approfondimento settimanale sulla settima arte, e scrive articoli sullo stesso tema.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here