I FANTASTICI 4 | Happy birthday, Diane Keaton

Ogni settimana una selezione di pellicole a tema, tra film cult, volti noti e nomi da scoprire

Ha compiuto 75 anni il 5 gennaio l’attrice, regista e produttrice Diane Keaton. Nata a Los Angeles nel 1946, iniziò la sua carriera in teatro per poi esordire al cinema nel 1970. Il ruolo della consacrazione arrivò due anni dopo, quando Francis Ford Coppola la scelse per interpretare Kay Adams nella serie de “Il Padrino”.

Musa, amante e poi amica di Woody Allen, deve a lui i suoi ruoli più irriverenti. Portavoce dell’emancipazione femminile, ha incarnato da sempre un nuovo prototipo di attrice e prima ancora di donna: frizzante, simpatica, indipendente, assolutamente fuori dagli schemi.

Nel nostro appuntamento con “I Fantastici 4”, la rubrica settimanale dedicata al consiglio di pellicole a tema, abbiamo voluto omaggiarla attraverso le sue quattro interpretazioni più suggestive. Happy birthday, Diane!

 

IL PADRINO

di Francis Ford Coppola. Con Marlon Brando, James Caan, Al Pacino, Robert Duvall, Diane Keaton, Richard Castellano. Drammatico, 175’. USA 1972

È il ruolo di Key Adams, prima moglie, poi amica di Michael Corleone, a lanciare Diane Keaton nell’Olimpo di Hollywood. Interpretando uno dei personaggi cruciali in una delle saghe più importanti della storia del cinema, la Keaton si impone grazie al suo talento, e mostra l’evoluzione del suo personaggio attraverso gli anni.

 

IO E ANNIE

di Woody Allen. Con Woody Allen, Diane Keaton, Tony Roberts, Carol Kane, Paul Simon, Shelley Duvall. Commedia, 94′. USA 1977

Non solo attrice drammatica, la Keaton dimostra qui di saper far anche divertire grazie alla sua spontaneità. Per il personaggio di Annie Hall (il cognome della protagonista è quello vero dell’attrice) Woody Allen si è ispirato proprio a lei. Iconica a partire dallo stile, varrà alla Keaton un Golden Globe, un BAFTA Award e un Oscar come miglior attrice.

 

REDS

di Warren Beatty. Con Diane Keaton, Jack Nicholson, Warren Beatty, Maureen Stapleton, Bessie Love, Gene Hackman. Drammatico, 200′. USA 1981

Diane Keaton, insieme a Warren Beatty, porta sullo schermo la storia dei coniugi Reed, giornalisti americani testimoni della rivoluzione d’ottobre in Russia. Un ruolo complesso e impegnativo in cui la Keaton si immedesima con passione. Seconda candidatura all’Oscar come migliore attrice protagonista della sua carriera.

 

LA STANZA DI MARVIN

di Jerry Zaks. Con Diane Keaton, Robert De Niro, Hume Cronyn, Leonardo DiCaprio, Meryl Streep, Margo Martindale. Drammatico, 98’. USA 1996

Nel film diretto da Zaks che vanta un cast d’eccezione, la Keaton interpreta Bessie, che vive con padre e zia anziani e ammalati, e scopre di avere la leucemia. Decide così di rivedere la sorella dalla quale si è allontanata da vent’anni. Una storia dolorosa e drammatica con una Keaton matura. Terza candidatura agli Oscar per lei.

Previous article“Death to 2020”: un documentario fittizio per sorridere dei drammi
Next article“Storia delle parolacce”: una docuserie spassosa e dissacrante
Avatar
Nata a Napoli, a otto anni si trasferisce in provincia di Gorizia dove si diletta di teatro. Torna nella sua amata città agli inizi del nuovo millennio e qui si diploma in informatica e comincia a scrivere - pensieri, racconti, per poi arrivare al primo romanzo, "Anime". Nel frattempo ha cambiato di nuovo città e scenario, trasferendosi nelle Marche. Oggi conduce per RadioSelfie.it "Lo chiamavano cinema", un approfondimento settimanale sulla settima arte, e scrive articoli sullo stesso tema.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here