I FANTASTICI 4 | Il meglio del cinema di Paul Thomas Anderson

Ogni settimana una selezione di pellicole a tema, tra film cult, volti noti e nomi da scoprire

Classe 1970, nato nel quartiere Studio City di Los Angeles, Paul Thomas Anderson è considerato uno dei più influenti registi del cosiddetto nuovo cinema statunitense, capace di trasformare il proprio stile da un film all’altro, versatile e ambizioso.

Ha esordito dietro la macchina da presa nel 1997, ispirandosi a due dei suoi miti, Martin Scorsese e Robert Altman. Da quel momento il suo stile si è evoluto in modo molto personale, e questo lo ha portato ad aggiudicarsi premi in tutti i maggiori festival internazionali – Berlino, Cannes e Venezia. Nel ricco palmares manca, nonostante le ben undici candidature, un Oscar.

In occasione dell’uscita del suo nuovo film “Licorice Pizza”, con protagonisti Alana Haim, Cooper Hoffman, Sean Penn, Bradley Cooper, nel nostro appuntamento con “I Fantastici 4”, la rubrica dedicata al consiglio di pellicole a tema, abbiamo scelto i suoi quattro film più interessanti e acclamati fino a oggi.

 

BOOGIE NIGHTS – L’ALTRA HOLLYWOOD

di Paul Thomas Anderson. Con Burt Reynolds, Julianne Moore, Mark Wahlberg, Philip Seymour Hoffman, Heather Graham. Commedia, 152’. USA 1997

Nel 1977 Jack Horner (Reynolds), affermato regista di film porno, scopre il 17enne Eddie Adams (Wahlberg) che, con il nome di Dirk Diggler, riscuote subito un grande successo. Due anni dopo un tragico fatto di sangue all’interno della famiglia allargata che fa capo a Horner segna l’inizio della decadenza dell’industria dell’hard core (con conseguente passaggio al video) e dello stesso Diggler, accelerata dalla cocaina.

 

MAGNOLIA

di Paul Thomas Anderson. Con Jason Robards, Julianne Moore, Tom Cruise, Philip Baker Hall, John C. Reilly. Drammatico, 160′. Austria 2000

San Ferdinando Walley, California. Nove persone, una giornata qualsiasi della loro vita. Earl sta morendo e Linda che lo aveva sposato solo per interesse si accorge di amarlo. Phil, il suo infermiere si mette sulle tracce di Frank, figlio di Earl, guru del sesso. Il poliziotto Jim, durante un servizio di pattugliamento, conosce e si innamora di una tossicodipendente, figlia di un presentatore che ha appena scoperto di avere un tumore. Donnie, ex bambino prodigio della televisione, è colmo d’amore ma non sa su chi riversarlo, essendo figlio di un padre, Rick, incapace del minimo gesto d’amore.

 

IL PETROLIERE

di Paul Thomas Anderson. Con Daniel Day-Lewis, Paul Dano, Kevin J. O’Connor, Ciarán Hinds, Dillon Freasier. Drammatico, 158′. USA 2007

Daniel Plainview è un cercatore d’argento che, alla fine dell’800, trova il petrolio nell’Ovest degli Stati Uniti. La sua ricchezza diventa considerevole grazie anche allo sfruttamento della presenza dell’unico figlio, che lo aiuta a convincere i contadini a cedergli i terreni. Troverà però sulla sua strada un giovane predicatore che prima lo aiuterà e poi, temendo un troppo veloce arrivo della modernità, manipolerà contro di lui la comunità. Il film è valso a Daniel Day-Lewis il suo secondo Oscar come miglior attore protagonista (il terzo arriverà nel 2013 con “Lincoln”). Paul Thomas Anderson si è ispirato alle prime 150 pagine del romanzo “Oil!” di Upton Sinclair, che tratteggia la biografia a tinte forti del magnate Edward L. Doheny.

 

IL FILO NASCOSTO

di Paul Thomas Anderson. Con Daniel Day-Lewis, Vicky Krieps, Lesley Manville, Sue Clark, Joan Brown, Camilla Rutherford. Drammatico, 130′. USA 2017

Nella Londra degli anni ’50, lo stilista Reynolds Woodcock (Day-Lewis) e sua sorella Cyril (Manville) rappresentano il fulcro della moda britannica, vestendo la famiglia reale, le star del cinema, le ereditiere, le dame dell’alta società. Tutte si ritrovano nello stile unico della House of Woodcock. Ma l’artista che conosce desideri e gusti femminili non conosce il vero amore, che ritiene un privilegio precluso a un artista del suo calibro. Così lo scapolo impenitente preferisce intrattenersi con donne diverse che gli offrono la giusta dose di ispirazione e compagnia. Finché non incontra Alma (Krieps), ragazza ambiziosa e caparbia che riesce a insinuarsi nel suo cuore come musa e amante, sconvolgendo da un giorno all’altro la sua perfetta vita su misura. L’ultimo film dell’attore Daniel Day-Lewis, tre volte premio Oscar, che nell’estate 2017 si è ritirato dalle scene. 

Previous article“The Batman”: il Cavaliere Oscuro di Pattinson, combattuto, cupo, solitario
Next article“Cyrano”: pathos e romanticismo nel film di Joe Wright presentato a Roma
Nata a Napoli, a otto anni si trasferisce in provincia di Gorizia dove si diletta di teatro. Torna nella sua amata città agli inizi del nuovo millennio e qui si diploma in informatica e comincia a scrivere - pensieri, racconti, per poi arrivare al primo romanzo, "Anime". Nel frattempo ha cambiato di nuovo città e scenario, trasferendosi nelle Marche. Oggi conduce per RadioSelfie.it "Lo chiamavano cinema", un approfondimento settimanale sulla settima arte, e scrive articoli sullo stesso tema.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here