I FANTASTICI 4 | La vendetta, protagonista assoluta al cinema

Ogni settimana una selezione di pellicole a tema, tra film cult, volti noti e nomi da scoprire

La vindicta, in latino, era la verga con cui si toccava lo schiavo che doveva essere liberato. Da questo termine deriva il nostro “vendetta”, che indica in prima accezione il desiderio di farsi giustizia generato da un impulso che segue al rancore o al risentimento.

Sentimento esclusivamente umano, che ha caratterizzato le società del presente e del passato, è stato molto utilizzato anche dal cinema, che lo ha reso non solo attributo secondario ma anche vero e proprio protagonista.

I quattro film che vi proponiamo nel nostro appuntamento di oggi con la rubrica “I Fantastici 4”, dedicata al consiglio di pellicole a tema, sono diretti soltanto da due registi, che hanno fatto della vendetta una delle loro protagoniste principali.

 

OLD BOY

di Park Chan-wook. Con Choi Min-sik, Ji-tae Yu, Hye-jeong Kang, Dae-han Ji, Oh Dal-soo.
Drammatico, 119′. Corea del sud 2003

Dae-su ha vent’anni eppure è già sposato e ha una figlia. Nonostante questo non disdegna la compagnia di molteplici amanti, e ha il vizio dell’alcol, e questo lo porta, una sera, a venire arrestato dalla polizia. Al suo rilascio viene rapito e rinchiuso in una stanza dai malavitosi assoldati da uno sconosciuto cliente. Quando finalmente esce, dopo quindici anni, l’uomo si mette sulle tracce del mandante per perpetrare la sua vendetta.

 

KILL BILL (Vol 1 & 2)

di Quentin Tarantino. Con Uma Thurman, David Carradine, Daryl Hannah, Michael Madsen, Vivica A. Fox, Lucy Liu. Azione, 110′. USA 2003 2004

Gli uomini del boss della malavita Bill fanno irruzione nella chiesa dove si sta celebrando il matrimonio della spietata killer Black Mamba, che aspetta un bambino ed è decisa a ritirarsi dalla professione. Lasciata agonizzante dopo un colpo alla testa, la donna finisce in coma per cinque anni. Al suo risveglio diventa “la Sposa”, disposta a tutto pur di vendicarsi.

 

LADY VENDETTA

di Park Chan-wook. Con Lee Yeong-ae, Choi Min-sik, Lee Seung-Shin, Go Su-hee, Kim Byeong-ok, Kim Bu-seon. Thriller, 112′. Corea del sud 2005

Geum-ja viene ingiustamente condannata a tredici anni di carcere, per il rapimento e l’omicidio di un bambino. Scontata la pena, si vuole vendicare del vero autore del misfatto. Terzo episodio della trilogia della vendetta di Park Chan-wook, dopo “Mr Vendetta” e “Old Boy”, lascia a una donna il compito di chiudere il cerchio, perché solo una donna può trasformare la violenza in espiazione.

 

DJANGO UNCHAINED

di Quentin Tarantino. Con Jamie Foxx, Christoph Waltz, Leonardo DiCaprio, Samuel L. Jackson, Kerry Washington. Western, 165′. USA 2013

Sati Uniti del sud, qualche anno prima della guerra di secessione. Lo schiavo nero Django ha riacquistato la sua libertà grazie al Dottor Schultz, ex dentista tedesco ora cacciatore di taglie. Sperando che Django lo conduca ai pericolosi fratelli Brittle, Schultz gli insegna i trucchi del mestiere, che serviranno all’uomo per riuscire a rintracciare la moglie e liberarla dalla schiavitù a cui la costringe Calvin Candie, diabolico proprietario di piantagioni nel Mississippi.

Previous article“Rapiniamo il Duce”: un ambizioso heist movie durante la Resistenza
Next article“Bros”: una commedia romantica originale, sexy e molto toccante
Nata a Napoli, a otto anni si trasferisce in provincia di Gorizia dove si diletta di teatro. Torna nella sua amata città agli inizi del nuovo millennio e qui si diploma in informatica e comincia a scrivere - pensieri, racconti, per poi arrivare al primo romanzo, "Anime". Nel frattempo ha cambiato di nuovo città e scenario, trasferendosi nelle Marche. Oggi conduce per RadioSelfie.it "Lo chiamavano cinema", un approfondimento settimanale sulla settima arte, e scrive articoli sullo stesso tema.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here