I FANTASTICI 4 | Omaggio a Franco Zeffirelli, regista e sceneggiatore

Ogni settimana una selezione di pellicole a tema, tra film cult, volti noti e nomi da scoprire o riscoprire

La spettacolarità è stato sempre il tratto distintivo delle pellicole di Franco Zeffirelli, regista, sceneggiatore, scenografo e politico italiano, che ci ha lasciato a 96 anni, sabato 15 giugno 2019, a Roma.

Anticonformista per eccellenza, il regista fiorentino non ha fatto mai segreto del suo orientamento politico e delle sue idee, con cui spesso ha arricchito i suoi lavori, esuberanti ed esteticamente esaltati.

Nel nostro appuntamento di oggi con “I Fantastici 4”, la rubrica settimanale dedicata al consiglio di pellicole a tema, abbiamo voluto ricordare Zeffirelli attraverso quattro dei suoi film, amatissimi.

 

LA BISBETICA DOMATA

di Franco Zeffirelli. Con Cyril Cusack, Elizabeth Taylor, Michael Hordern, Richard Burton. Commedia, 126. USA, Italia 1967

Protagonisti assoluti di questa trasposizione della commedia Shakespearina di fine XVI secolo Elizabeth Taylor e Richard Burton. Girato in inglese, il film vanta scenari e costumi mozzafiato ma nonostante i tre David di Donatello vinti e le due nomination agli Oscar, non è stato apprezzato dai puristi per la chiave divertente con cui Zeffirelli ha deciso di rivisitare la vicenda.

 

ROMEO E GIULIETTA

di Franco Zeffirelli. Con Leonard Whiting, Olivia Hussey, John McEnery, Michael York, Milo O’Shea, Pat Heywood. Drammatico, 152′. Italia, Gran Bretagna 1968

Ancora un film in costume, ancora Shakespeare, per quello che è sicuramente il lavoro più noto di Zeffirelli. Premiato con due Oscar (miglior fotografia e migliori costumi), il dramma degli sfortunati amanti di Verona – qui interpretati da Leonard Whiting e Olivia Hussey – è reso indimenticabile dalla colonna sonora di Nino Rota, dalla vicinanza al testo originale e dalla giovane età dei protagonisti.

 

JANE EYRE

di Franco Zeffirelli. Con Geraldine Chaplin, William Hurt, Charlotte Gainsbourg, Maria Schneider, Joan Plowright. Drammatico, 110′. Italia, Francia, Gran Bretagna 1995

Coproduzione italiana, francese e britannica, è forse la pellicola più essenziale di Zeffirelli. Trasposizione piuttosto fedele dell’omonimo romanzo di Charlotte Brontë, vede Charlotte Gainsbourg nel ruolo di Jane Eyre, e William Hurt in quello del signor Rochester.

 

UN TÈ CON MUSSOLINI

di Franco Zeffirelli. Con Lily Tomlin, Maggie Smith, Massimo Ghini, Joan Plowright, Cher. continua» Biografico, 118′. Italia, Gran Bretagna 1999

Un’opera “semi-biografica”, non storica, che mescola elementi realmente vissuti dai protagonisti con altri sono montati a scopo cinematografico. Nella Firenze degli anni Trenta, il piccolo Luca, figlio illegittimo di un ricco mercante di tessuti e di una sarta, alla morte della madre viene allevato da un gruppo di raffinate signore della comunità inglese che ammirano Mussolini, fino a quando verranno confinate a San Gimignano. Grandi interpreti femminili per un difficile affresco storico.

 

Previous articleCiak D’Oro 2019: “Dogman” di Matteo Garrone mattatore con sei premi
Next article“La prima vacanza non si scorda mai”: un bel mix di ironia e riflessione
Avatar
Nata a Napoli, a otto anni si trasferisce in provincia di Gorizia dove si diletta di teatro. Torna nella sua amata città agli inizi del nuovo millennio e qui si diploma in informatica e comincia a scrivere - pensieri, racconti, per poi arrivare al primo romanzo, "Anime". Nel frattempo ha cambiato di nuovo città e scenario, trasferendosi nelle Marche. Oggi conduce per RadioSelfie.it "Lo chiamavano cinema", un approfondimento settimanale sulla settima arte, e scrive articoli sullo stesso tema.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here