I FANTASTICI 4 | Omaggio a Sean Connery, insuperato agente 007

Ogni settimana una selezione di pellicole a tema, tra film cult, volti noti e nomi da scoprire

Il 31 ottobre, all’ètà di 90 anni, ci ha lasciati Sean Connery. Attore superlativo, produttore, icona intramontabile di fascino e stile, è diventato leggendario grazie al ruolo di James Bond in sei film della saga di 007.

Tra i maggiori successi dell’attore classe 1930, fiero delle sue origini scozzesi, “Caccia a Ottobre Rosso”, “Il nome della rosa” e “The Untouchables – Gli intoccabili”, che gli è valso un Oscar come miglior non protagonista.

Nel nostro appuntamento con “I Fantastici 4”, la rubrica settimanale dedicata al consiglio di pellicole a tema, vogliamo ricordarlo attraverso quattro suoi grandi film. Goodbye, sir Connery.

 

AGENTE 007. MISSIONE GOLDFINGER

di Guy Hamilton. Con Sean Connery, Honor Blackman, Gert Fröbe, Shirley Eaton, Tania Mallet,
Harold Sakata.
Avventura, 108′. Gran Bretagna 1964

Il terzo film della serie di 007 è uno dei migliori film. Goldfinger è un misterioso uomo d’affari sospettato di essere a capo di un’organizzazione che contrabbanda oro. James Bond ha il compito di smascherarlo e catturarlo. La scena in cui Connery esce dall’acqua, si toglie la muta e sfoggia un abito da sera con tanto di fiore all’occhiello è diventata cult.

 

ASSASSINIO SULL’ORIENT EXPRESS

di Sidney Lumet. Con Sean Connery, Jacqueline Bisset, Lauren Bacall, Anthony Perkins, Albert Finney. Poliziesco, 127′. Gran Bretagna 1974

Adattamento del celeberrimo romanzo di Agatha Christie, il racconto dell’investigatore Hercule Poirot, sul prestigioso e leggendario convoglio Parigi-Istanbul, prende letteralmente vita. Sean Connery interpreta il colonnello Arbuthnot, uno dei personaggi sul treno. Oscar come miglior attrice non protagonista a Ingrid Bergman.

 

THE UNTOUCHABLES – GLI INTOCCABILI

di Brian De Palma. Con Kevin Costner, Sean Connery, Robert De Niro, Andy Garcia, Charles Martin Smith. Drammatico, 119′. USA 1987

Stati Uniti, anni ’50, in pieno proibizionismo. Un agente del Ministero del tesoro, Elliot Ness, decide di formare una squadra per riuscire a incastrare il gangster Al Capone. Tra i reclutati spicca Jimmy Malone, interpretato da Sean Connery, un poliziotto in pensione saggio e incorruttibile. Oscar come miglior attore non protagonista per l’attore scozzese. 

 

INDIANA JONES E L’ULTIMA CROCIATA

di Steven Spielberg. Con Harrison Ford, Sean Connery, Denholm Elliott, Alison Doody, Michael Byrne,
John Rhys-Davies.
Avventura, 127′. USA 1989

Quando durante una spedizione il professor Henry Jones Sr. (Connery) sparisce, il figlio, Indiana Jones, si mette sulle sue tracce. L’alchimia tra Connery ed Harrison Ford è straordinaria. La terza pellicola della saga dell’archeologo e avventuriero più famoso di tutti i tempi (di cui vi abbiamo parlato qualche articolo fa) è senza dubbio la migliore.

 

Previous article“D.O.R.I.A.N.A.”: intervista a Roberta Calandra, Caterina Gramaglia e Mariano Lamberti
Next article“Romulus”: al via su Sky la serie che racconta le origini di Roma
Nata a Napoli, a otto anni si trasferisce in provincia di Gorizia dove si diletta di teatro. Torna nella sua amata città agli inizi del nuovo millennio e qui si diploma in informatica e comincia a scrivere - pensieri, racconti, per poi arrivare al primo romanzo, "Anime". Nel frattempo ha cambiato di nuovo città e scenario, trasferendosi nelle Marche. Oggi conduce per RadioSelfie.it "Lo chiamavano cinema", un approfondimento settimanale sulla settima arte, e scrive articoli sullo stesso tema.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here