I FANTASTICI 4 | Omaggio ad Alfonso Cuarón, vincitore del Leone d’Oro

Ogni settimana una selezione di pellicole a tema, tra film cult, volti noti e nomi da scoprire o riscoprire

di Concetta Piro

 

La 75° Mostra del cinema di Venezia si è chiusa con il trionfo di Alfonso Cuarón che con il film “Roma”, prodotto da Netflix, si è aggiudicato l’ambito Leone d’Oro.

Primo regista messicano ad aggiudicarsi l’Oscar (nel 2013, con “Gravity”), classe 1961, è stato scoperto da Sydney Pollack che rimase impressionato dal suo modo di fare cinema ed esordì alla regia nel 1991.

Nel nostro appuntamento con “I Fantastici 4, la rubrica settimanale dedicata al consiglio di pellicole a tema, abbiamo voluto omaggiare Cuarón scegliendo per voi i suoi quattro migliori film, in una produzione davvero ricca e variegata. 

 

Y TU MAMÁ TAMBIÉN

di Alfonso Cuarón. Con Diego Luna, Gael García Bernal, Maribel Verdú, Diana Bracho, Daniel Giménez Cacho. Commedia drammatica, 105′. USA, Messico, 2001

Julio e Tenoch sono due amici diciassettenni che hanno una gran voglia di crescere. A una festa conoscono una ventottenne spagnola, Louisa, che accetta di partire con loro per un viaggio verso una spiaggia denominata Boca del Cielo che i due in realtà non sanno dove si trovi. Il viaggio permetterà di verificare come l’erotismo e la gioventù non escludano il dolore.

 

HARRY POTTER E IL PRIGIONIERO DI AZKABAN

di Alfonso Cuarón. Con Daniel Radcliffe, Rupert Grint, Emma Watson, Gary Oldman, Alan Rickman, David Thewlis. Fantastico, 136′. USA 2004

Harry Potter torna ad Hogwarts per il terzo anno di scuola. Ma un pericoloso assassino di nome Sirius Black fugge dalla prigione di Azkaban e si mette sulle sue tracce. Cuarón riesce a dare al maghetto un’immagine molto più adulta e convincente che nei due film precedenti, presentandolo in una veste più dark e oscura. I nemici e gli incubi questa volta non vengono dall’esterno ma dall’animo dei protagonisti. Strepitoso il cast.

 

I FIGLI DEGLI UOMINI

di Alfonso Cuarón. Con Clive Owen, Julianne Moore, Michael Caine, Chiwetel Ejiofor, Charlie Hunnam, Claire-Hope Ashitey. Drammatico, 114′. Gran Bretagna, USA 2006

2027. In un futuro non troppo lontano, in cui il mondo non può più procreare, l’Inghilterra rimane unica zona franca, per non confrontarsi con le guerriglie urbane. Theo (Clive Owen), rapito da Julian (Julanne Moore), un’attivista amata in passato, ha una grande responsabilità. Dovrà condurre una giovane donna fino a un santuario sul mare, e dare la possibilità al mondo di evitare l’estinzione.

 

GRAVITY

di Alfonso Cuarón. Con Sandra Bullock, George Clooney, Ed Harris, Orto Ignatiussen, Phaldut Sharma. Fantascienza, 92′. USA, Gran Bretagna 2013

Gli astronauti Ryan Stone e Matt Kowalsky lavorano ad alcune riparazioni di una stazione orbitante nello spazio quando un’imprevedibile catena di eventi gli scaraventa contro una tempesta di detriti. L’impatto è devastante, distrugge la loro stazione e li lascia a vagare nello spazio nel disperato tentativo di sopravvivere e trovare una maniera per tornare sulla Terra. Un film vaneggiante ma d’impatto, per l’ambientazione e la colonna sonora. Gli attori finiscono per scomparire, merito della grandezza di ciò che li circonda. Oscar per la miglior regia a Cuarón.

 

Previous article“Un amore così grande”: il cast e il regista presentano a Roma il film
Next articleRoma Creative Contest: al via l’8° edizione del Festival di cortometraggi
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here