I FANTASTICI 4 | Omaggio ad Anthony Hopkins, fresco vincitore dell’Oscar

Ogni settimana una selezione di pellicole a tema, tra film cult, volti noti e nomi da scoprire

A 83 anni, Anthony Hopkins è appena diventato l’attore più anziano di sempre ad aggiudicarsi il premio Oscar, per il ruolo in “The Father. Il suo secondo, dopo quello vinto nel 1992 per l’interpretazione di Hannibal Lecter ne “Il silenzio degli innocenti”.

Sir Philip Anthony Hopkins nasce nel 1937 a Margam, un sobborgo di Port Talbot, nel Galles. Dopo aver frequentato la Royal Academy of Dramatic Art, Laurence Olivier lo prende sotto la sua ala al National Theatre. Dal momento dell’esordio al cinema nel ruolo di Riccardo Plantageneto, la sua carriera è stata tutta un crescendo.

Nel nostro appuntamento di oggi con la rubrica “I Fantastici 4”, dedicata al consiglio di pellicole a tema,  abbiamo deciso di festeggiare l’Oscar e il grandissimo attore attraverso quattro delle sue migliori performance.

 

IL SILENZIO DEGLI INNOCENTI

di Jonathan Demme. Con Jodie Foster, Anthony Hopkins, Ted Levine, Charles Napier, Anthony Heald, Brooke Smith. Thriller, 118′. USA 1991

Potrebbe sembrarvi incredibile, ma nel film che è valso ad Hopkins il suo primo Oscar ed è entrato nella storia del cinema, il personaggio di Hannibal Lecter appare sullo schermo soltanto per 16 minuti. Eppure sono sufficienti per imporsi come uno dei criminali più iconici di sempre. E che dire della telefonata finale tra Lecter e Clarice Sterling (Jodie Foster)… pura poesia cinematografica!

 

DRACULA DI BRAM STOKER

di Francis Ford Coppola. Con Gary Oldman, Winona Ryder, Anthony Hopkins, Keanu Reeves, Cary Elwes, Billy Campbell. Horror, 128′. USA 1992

Nell’indimenticabile film di Coppola, dove spicca Gary Oldman nel ruolo del protagonista, Anthony Hopkins ha un doppio ruolo. Interpreta Abraham Van Helsing, un cacciatore di vampiri e docente universitario olandese che tenta di neutralizzare il morbo, e anche il sacerdote Cesare, che condanna l’anima di Elisabeta (Ryder) alla dannazione perché morta suicida.

 

QUEL CHE RESTA DEL GIORNO

di James Ivory. Con James Fox, Emma Thompson, Anthony Hopkins, Christopher Reeve, Peter Vaughan, Michael Lonsdale. Drammatico, 134′. USA 1993

Nel film tratto dal romanzo omonimo di Kazuo Ishiguro, considerato il capolavoro di James Ivory, Hopkins interpreta il protagonista James Stevens (Hopkins). Durante un viaggio nel 1956, l’uomo ripercorre i momenti più significativi della propria vita, quella di un uomo devoto al suo lavoro ma apparentemente primo di emozioni e passionalità.

 

GLI INTRIGHI DEL POTERE – NIXON

di Oliver Stone. Con Ed Harris, James Woods, Larry Hagman, Anthony Hopkins, Paul Sorvino, Bob Hoskins. Biografico, 192′. USA 1995

La pellicola racconta l’ascesa di Richard Nixon, Presidente degli Stati Uniti d’America dal 1969 al 1974. Pur non essendo la prima scelta del regista, Hopkins, che a quanto pare ha in comune con il suo personaggio la tendenza alla solitudine, offre un’interpretazione tormentata del Presidente repubblicano.

Previous article“Nuevo orden”: una distopia incalzante, visivamente potente
Next article“Corpo di ballo”: la docu-serie sui ballerini del Teatro alla Scala
Nata a Napoli, a otto anni si trasferisce in provincia di Gorizia dove si diletta di teatro. Torna nella sua amata città agli inizi del nuovo millennio e qui si diploma in informatica e comincia a scrivere - pensieri, racconti, per poi arrivare al primo romanzo, "Anime". Nel frattempo ha cambiato di nuovo città e scenario, trasferendosi nelle Marche. Oggi conduce per RadioSelfie.it "Lo chiamavano cinema", un approfondimento settimanale sulla settima arte, e scrive articoli sullo stesso tema.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here