“Io prima di te”: 10 differenze tra il libro di Jojo Moyes e il film

Personaggi scomparsi, menage familiari migliorati, una situazione clinica più complicata

di Allegra Trotta

 

A febbraio, mese degli innamorati per eccellenza, non potevamo non parlare d’amore nel nostro appuntamento mensile con le differenze tra originali e trasposizioni. Abbiamo scelto una storia toccante ed emozionante, Io prima di te di Jojo Moyes, con protagonisti Will Traynor e Louisa Clarke.

Sulla stessa coppia di libro e film potete trovare un altro articolo su Parole a Colori. Io mi sono concentrata su altri elementi, e visto che la storia ha ben due sequel letterari di cui non si vede all’orizzonte nessun adattamento – per fortuna! – ho colto l’occasione per accennare anche a questi.

Sul mio blog, Libri, sogni e realtà potete trovare tutte le differenze. Bando alle ciance, qui vediamo le 10 principali differenze.

 

1 Sia nel libro che nel film i signori Traynor non sono d’accordo con la decisione del figlio. Se nel primo è il padre ad essere certo che Will cambierà idea alla fine, nel secondo è la madre che non accetta la sua scelta e fa di tutto per convincerlo a vivere.

2Gli Steven e Camilla Traynor romanzeschi non sono felici come li vediamo nel film. Nel libro Steven ha una storia con un’altra donna, ma non vuole lasciare la moglie per via della condizione del figlio. La morte di Will gli darà l’occasione per iniziare la sua nuova vita – che lo porterà a diventare di nuovo padre.

3 Se lo Will del film soffre per la sua condizione, quello dei libri lo fa in modo più esteso, e a questo tema sono dedicate più scene. In una di queste l’uomo non vuole scrivere un biglietto di ringraziamento perché comunque lo dovrebbe scrivere qualcun altro al posto suo. Per risolvere il problema Louisa trova per lui un computer con i comandi vocali.

4 Nel film, la sorella di Louisa Treena le consiglia di aiutare Will a godersi gli ultimi mesi di vita, ma, a differenza degli altri, non cerca in nessun modo di far cambiare idea all’uomo. Nel romanzo, invece, anche lei si dà da fare in questo senso.

5Nel film durante la vacanza alle Mauritius Louisa dice a Will che lo ama – e questo spiega anche il motivo della reazione della ragazza quando scopre che lui non ha cambiato idea. Nel libro si capisce che i due sono innamorati ma non avviene niente di concreto.

6 Nel film è stata eliminata la storia del labirinto, che spiega gli enormi timori di Louisa di fronte al cambiamento. Anni prima, la ragazza aveva avuto una brutta esperienza all’interno di un labirinto, ma non aveva più affrontato l’argomento fino all’incontro con Will.

7A differenza del film, nel libro Will ha una sorella, Georgina. Questo personaggio non è comunque molto presente, compare soltanto in un paio di scene, e nei sequel di lei non si sente più parlare.

8Lo Will del film sembra completamente immobile e insensibile dal collo in giù. In realtà, nel romanzo, la sua situazione clinica è più complicata. Will non percepisce la sensazione di caldo e di freddo, dal petto in giù, ma è in grado di sentire il dolore e conserva il senso del tatto. In più può controllare le braccia, anche se è in grado solo di spostarle di qualche centimetro verso l’alto o il basso. E questo ci porta al prossimo punto.

9 Sappiamo che Will ha tentato di suicidarsi in passato, ma nel film non è chiaro come un tetraplegico possa averlo fatto. Nel libro, invece, oltre a sapere che può muovere un po’ le braccia, ci viene spiegato nel dettaglio cosa è successo.

10 Arriviamo al finale. Mentre il film si chiude su Louisa a Parigi che legge la lettera di addio di Will, le ultime pagine del romanzo, prima dell’epilogo, sono occupate dal documento dell’indagine per istigazione al suicidio.

 

Fatemi sapere cosa ne pensate del libro, del film, e delle differenze tra i due. Noi ci vediamo su Parole a Colori a marzo, con un nuovo pezzo di confronto. Vi lascio con un video dove si parla del sequel di “Io prima di te”, “Dopo di te”.

 

Previous article“Rex – Un cucciolo a palazzo”: un film d’animazione spassoso
Next article“Un’avventura”: una storia d’amore sulle canzoni di Battisti e Mogol
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here