“Io sto bene”: migrazioni di ieri e di oggi nel film di Donato Rotunno

Le convincenti interpretazioni di Renato Carpentieri e Sara Serraiocco non salvano il film dalla deriva

Un film di Donato Rotunno. Con Renato Carpentieri, Alessio Lapice, Sara Serraiocco, Marie Jung, Vittorio Nastri. Drammatico, 95′. Italia, Lussemburgo, Belgio, Germania 2020

In pieno lutto per la sua donna, Antonio è abitato dalle immagini della sua terra di origine, l’Italia. Léo, alla ricerca di un futuro fuori dal suo Paese, incrocia la sua strada. Un gioco di specchi tra l’anziano e la giovane alla deriva ci permette di viaggiare nel tempo e di immaginare un futuro più sereno per tutti e due.

 

Presentato fuori concorso ad Alice nella città, “Io sto bene” di Donato Rotunno è la storia di un incontro tra emigranti vecchi e nuovi. Da una parte c’è il vecchio Antonio (Carpentieri), costretto a lasciare il meridione negli anni ’60 per cercar fortuna in Lussemburgo; dall’altra, la giovane Leopoldina detta Léo (Serraiocco), che si è trasferita all’estero per inseguire la sua passione.

Antonio e Leo si incontrano quasi casualmente, ed è la loro profonda solitudine a farli ritrovare. Il primo è smarrito dopo la perdita della moglie Mady e il sopraggiungere della pensione, nella terra straniera che lo ha accolto; la seconda, senza più un lavoro né un alloggio dopo la rottura con il fidanzato, ha un grande fardello da gestire e un rapporto difficile con la madre.

Per Antonio, l’incontro con Léo, quasi in un gioco di specchi, riporta a galla il passato, denso di dolorosi ricordi e di rimpianti. Presente e passato si alternano in questa storia di buoni sentimenti dal gusto un po’ retrò, ben scanditi dal cambio di registro della colonna sonora, che include brani che vanno dai Pooh ai CCCP Fedeli alla Linea e dove spiccano le musiche originali di Massimo Zamboni.

Da italiano cresciuto in Lussemburgo, il regista Donato Rotunno ha voluto raccontare il tema delle radici e dell’immigrazione, proponendo un confronto tra passato e presente. “Prima si andava alla ricerca della fortuna e della solidità. Ora invece mancano completamente i punti di riferimento e si è spaesati. Comunque, un dato di fatto è che chi parte poi non torna più in Italia”.

L’idea di Rotunno era sicuramente positiva e stimolante. Il risultato, nonostante le convincenti interpretazioni di Carpentieri e della Serraiocco, non è tuttavia all’altezza delle aspettative. “Io sto bene” procede in modo lento e un po’ piatto, snodandosi in una narrazione banale che poggia su stereotipi alquanto superficiali.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here