“La cura della vergogna”: presentato a Roma il libro di Marilù S. Manzini

Un saggio psicologico sotto forma di romanzo della scrittrice, pittrice, scultrice e regista

Andrea Menaglia, Beppe Convertini, Marilù S. Manzini e Ruggiero Capone alla conferenza stampa di presentazione.

Presentato a Roma, nel magnifico Hotel Des Époques di via Nomentana, “La cura della vergogna” è il quinto romanzo di Marilù S. Manzini, scrittrice, pittrice, scultrice e recentemente regista di un film, in uscita nei prossimi mesi.

Edito da Bietti, si tratta di un saggio di psicologia sotto forma di romanzo, una storia di formazione e crescita, di lenta e progressiva costruzione della consapevolezza di sé. Il racconto si sviluppa su due piani: quello delle lettere e quello dell’azione vera e propria.

Un nipote e un nonno si trovano e si scontrano, attraverso i passaggi di una terapia d’urto che porterà il giovane protagonista a superare la sua timidezza patologica e a riscoprire le proprie potenzialità e il proprio valore, attraversando quella formidabile avventura che è la vita.

La presentazione romana si è aperta con un video divertente e commovente del noto scrittore Andrea G. Pinketts, scomparso di recente, amico dell’autrice. Tra i relatori presenti, oltre alla stessa Manzini, l’attore Beppe Convertini che ha letto e interpretato alcune pagine del libro, il giornalista e scrittore Ruggiero Capone e il critico letterario nonché editore Andrea Menaglia.

La scrittrice, pittrice, scultrice e regista Marilù S. Manzini

“La cura della vergogna” non è un libro che si legge e si accantona, è un supporto anche psicologico che permette, attraverso la storia dei personaggi, di capire i risvolti umani della propria vita e dà anche in parte la forza combattere.

Marilù S. Manzini spinge il lettore ad affrontare le difficoltà della vita, aiuta a credere nelle proprie capacità ed esalta il valore dei sogni. La sua penna graffiante riesce ad arrivare alla mente e al cuore del lettore lasciando aperta, nonostante i dubbi, la porta delle nostre speranze.

 

Previous article“Mamma + Mamma”: dalla storia vera della regista Karole Di Tommaso
Next article“La paranza dei bambini”: quando l’innocenza si perde per strada
Campana doc, si laurea in scienze delle comunicazioni all'Università degli studi di Salerno. Internauta curiosa e disperata, appassionata di cinema e serie tv, pallavolista in pensione, si augura sempre di fare con passione ciò che ama e di amare fortemente ciò che fa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here