“La stanza”: tre personaggi e un solo palcoscenico per il film di Lodovichi

Camilla Filippi, Guido Caprini ed Edoardo Pesce per un thriller psicologico su Prime Video

Un film di Stefano Lodovichi. Con Camilla Filippi, Guido Caprini, Edoardo Pesce. Thriller. Italia 2021

Stella è salita in cima al cornicione, vestita da sposa, in una giornata di tempesta. Sotto di lei il precipizio, alle sue spalle quella casa che a lei sembra sempre più vuota. Sta per buttarsi, ma qualcuno bussa alla sua porta: uno sconosciuto che sostiene di aver prenotato lì una stanza tramite un sito Internet. Poco importa che quel sito non sia più attivo da tempo e che lo Sconosciuto non mostri ricevute di prenotazione o documenti di identità: l’uomo asserisce di conoscere Sandro, l’ex marito di Stella che se ne è andato senza più tornare, e la sposa abbandonata spera ancora di rivederlo. Dunque accoglie quello straniero che sembra conoscere molte cose di lei, senza valutare fino in fondo le conseguenze della sua decisione.

 

Uno Sconosciuto si presenta alla porta di Stella, in una giornata piovosa e malinconica – una giornata in cui la donna, vestita da sposa, ha deciso di lanciarsi di sotto dal cornicione di casa. L’uomo dice di aver prenotato una stanza su un sito internet (chiuso da tempo).

Così si apre “La stanza”, il nuovo film del regista Stefano Lodovichi, disponibile su Amazon Prime Video, un thriller psicologico con forti sfumature horror, che ricorda, per l’ambientazione unica, illustri precedenti come “Psycho”, “Shining”, “The Others”. 

Al centro del racconto tre personaggi – Stella, lo sconosciuto e l’ex marito Sandro – che si muovono su un “palcoscenico” canonico per il genere come la casa. E proprio la casa – che porta i segni, sulle pareti, sul pavimento, sulle vetrate, del dolore di cui è stata testimone – diventa il quarto protagonista della storia. 

Il film di Lodovichi, un gioiellino italiano a tutti gli effetti, parla di famiglia, di rapporti complessi e delicati, dei traumi e delle sofferenze che ci portiamo dentro. E lo fa in modo originale, nonostante la cornice piuttosto classica, grazie anche a una sceneggiatura intrigante e ricca di colpi di scena.

Il cast ridotto ai minimi termini è la ciliegina sulla torta. Camilla Filippi, Guido Caprino ed Edoardo Pesce sfoderano interpretazioni incredibili. La colonna sonora e la cura per i dettagli, poi, aiutano a definire questo piccolo universo gotico, dove c’è spazio anche per il dramma e il thriller.

“La stanza”, alla fine, ci porta a riflettere sugli errori che abbiamo commesso in passato. Perché un giorno potrebbero bussare alla nostra porta sotto forma di uno Sconosciuto senza documenti, e presentarci il conto. Meglio arrivarci preparati.

Previous article“Onward – Oltre la magia”: un film Disney che punta sulla semplicità
Next article“Cobra Kai”: una terza stagione interlocutoria, con alcuni grandi ritorni
Campana doc, si laurea in scienze delle comunicazioni all'Università degli studi di Salerno. Internauta curiosa e disperata, appassionata di cinema e serie tv, pallavolista in pensione, si augura sempre di fare con passione ciò che ama e di amare fortemente ciò che fa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here