“Le meraviglie del mare”: inno a un mondo da amare e proteggere

Un documentario immersivo alla scoperta degli oceani e della loro micro-fauna sorprendente

di Alessandra Pappalardo

 

di Jean-Michel Cousteau, Jean-Jacques Mantello. Con Jean-Michel Cousteau, Celine Cousteau, Fabien Cousteau, Arnold Schwarzenegger. Documentario, 85′. Gran Bretagna, Francia, 2017

Per tre anni, Jean-Michel Cousteau e i suoi figli Céline e Fabien, con la loro squadra, hanno viaggiato dalle Fiji alle Bahamas alla scoperta degli oceani e della loro micro-fauna, spettacolare come un universo segreto e minacciata dall’uomo. Rincorrendo appuntamenti rari, che avvengono al massimo una volta all’anno, e senza mai coprire con le parole ciò che le immagini raccontano da sé, Cousteau trascina gli spettatori in un’esperienza immersiva (letteralmente) e tecnicamente sofisticata, ma anche preoccupata, perché il legame tra la salute delle specie marine e la salute del nostro pianeta è ancora lontano dall’essere conosciuto nella sua forza e necessità.

 

Girato in 3D nell’arco di tre anni da Jean-Michel Cousteau e Jean-Jacques Mantello, “Le meraviglie del mare” è un documentario immersivo – è proprio il caso di dirlo! -, che accompagna il pubblico in un viaggio alla scoperta di un habitat ancora tutto da esplorare. E da proteggere.

Dalle Bahamas alle Fiji passando per le coste della California e il Mare di Cortez in Messico, Cousteau e i suoi figli Céline e Fabien raccontano utilizzando le immagini più che le parole un ecosistema bellissimo quanto fragile, essenziale per la vita sulla Terra ma costantemente minacciato dall’uomo.

Prodotto da Arnold Schwarzenegger, a cui appartiene anche la voce narrante, “Le meraviglie del mare” affascina con riprese subacquee nitide in cui si stagliano, quasi apparse dal nero degli abissi, dal nulla, le più incredibili delle creature.

Sulla scelta di Schwarzenegger, il regista ha dichiarato: “Sin dall’inizio, volevo come narratore qualcuno che avesse a cuore l’ambiente quanto me. Arnold e io condividiamo lo stesso entusiasmo per ciò che dovrebbe essere fatto per proteggere l’oceano. Sono rimasto impressionato dalla sua professionalità e dalla dedizione che ha dimostrato nel prestare la sua voce a questa causa”.

Un documentario che è un inno alla bellezza, ma contiene anche un messaggio ecologista da non dimenticare: la vita sulla Terra e quella in mare sono interconnesse, fanno parte di un tutto unico. Per questo dobbiamo difenderle. Entrambe.

 

Previous article“Deadpool 2”: l’eroe sboccato e scorretto torna a fare danni
Next article“Yomeddine”: un buon esordio, con attori non professionisti solo di nome
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here