LIBRI AL CINEMA | “Mary Poppins” e “Il ritorno di Mary Poppins”

Dai libri illustrati di Pamela Lyndon Travers, il primo datato 1934, ai film musicali Disney

Chi non ha mai sognato, da bambino, di avere una tata come Mary Poppins? A rendere il personaggio famoso è stato il film Disney del 1964 con Julie Andrews, ma in realtà Mary Poppins aveva fatto la sua comparsa ben trent’anni prima, grazie alla penna di Pamela Lyndon Travers.

Ai libri della scrittrice australiana naturalizzata britannica e ai loro adattamenti cinematografici, ultimo in ordine di tempo “Il ritorno di Mary Poppins” con Emily Blunt, che uscirà al cinema in Italia il 20 dicembre, è dedicato il nostro appuntamento con “Libri al cinema” versione Young.

 

IL LIBRO

P. L. Travers scrisse il primo romanzo della serie, “Mary Poppins“, nel 1934, per aiutare le sorelle a superare i traumi legati allo stato depressivo della madre. Walt Disney ne intuì il potenziale, ma servirono oltre vent’anni perché l’autrice si decidesse a cederglieli, durante un periodo di calo delle vendite.

Nella Londra del 1910 i piccoli Michele e Giovanna Banks e i gemellini appena nati restano senza bambinaia. I genitori non possono occuparsi di loro, impegnati in altre faccende. A risolvere la situazione piove letteralmente dal cielo Mary Poppins, tata severa ma anche coinvolgente e simpatica.

A “Mary Poppins” sono seguiti altri sette libri illustrati per bambini con la stessa protagonista, ma solo i primi due sono stati adattati fino a oggi per il cinema.

 

IL FILM

Il film musicale del 1964 con Julie Andrews è l’adattamento di “Mary Poppins”. Dopo oltre cinquant’anni siamo pronti per gustarci il sequel, “Il ritorno di Mary Poppins”, tratto dal libro omonimo della Travers datato 1935.

Sono passati venticinque anni, Michael e Jane ormai sono grandi ma una tragedia li colpisce senza preavviso, lasciandoli in una situazione economica precaria a cercare di elaborare il lutto. È in quel momento che fa ritorno la loro tata di un tempo, ombrello e borsa magica al seguito.

La protagonista che rese immortale Julie Andrews ha adesso il volto di Emily Blunt. Nel cast troviamo anche Maryl Streep nel ruolo di Topsy, la cugina della tata, e Colin Firth in quello del capo di Michael. Dick Van Dyke, l’indimenticabile spazzacamino Bert del primo film torna per un cameo come direttore di banca.

 

Previous article“Hill House”: una serie horror dove la casa “stregata” domina la scena
Next articleWEEKEND AL CINEMA | 14 nuove uscite dall’8 novembre
Ligure di origini, vive in provincia di Novara da tre anni a questa parte per amore e per lavoro. Mamma blogger, adora il cinema, la lettura, l’arte e la moda. Scrive per diverse testate e spera in futuro di portare avanti un progetto tutto suo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here