Nomination agli Oscar 2019: tra sorprese, conferme e grandi esclusi

"A star is born" si aggiudica otto nomination, ma almeno manca quella per la regia a Cooper

Con le nomination agli Oscar – rese note ieri, martedì 22 gennaio, nel primo pomeriggio italiano – parte ufficialmente il count down per l’assegnazione dei premi più ambiti e chiacchierati di Hollywood.

Ci aspetta un mese di attesa e speranze, fino al 24 febbraio, notte di verdetti, ma anche di scommesse e pronostici. Vediamo intanto cosa emerge dalle scelte dell’Academy.

LEGGI ANCHE: Tutte le nomination agli Oscar 2019

Sono otto le pellicole in lizza per aggiudicarsi la palma di migliore, una selezione molto ricca, come di consueto. Se la scelta di “Green book”, “La favorita”, “Vice – L’uomo nell’ombra”, “Roma” e “Blackkklansman” non stupisce, quella di “Black Panther”, “Bohemian Rhapsody” e “A Star is Born” solleva qualche perplessità. I tre film – al di là dei giudizi di valore – si inseriscono nel filone cosiddetto “popolare” verso il quale i giurati hanno deciso di aprirsi quest’anno. Giusto? Sbagliato? Vedremo.

Non è una sorpresa ma una mezza delusione trovare Lady Gaga in lizza come miglior attrice protagonista insieme a mostri sacri del calibro di Glenn Close (The Wife) e Olivia Colman (La favorita). Solo sorprendente, invece, la nomination per Yalitza Aparicio (Roma), all’esordio.

Sul versante maschile Christian Bale, Willem Dafoe e Viggo Mortensen sono i nomi “soddisfacenti”; Bradley Cooper e Rami Malek quelli che possono starci, visto il successo e i consensi riscossi dai rispettivi film, ma di cui avremmo anche potuto fare a meno.

Dulcis in fundo, la mia categoria preferita, la regia. Ammetto di aver tirato un sospiro di sollievo non trovando, tra i papabili, il nome di Bradley Cooper. Ho invece gioito per la presenza di Yorgos Lanthimos (La favorita), Alfonso Cuaròn (Roma) e Pawel Pawlikowski (Cold war), autori di tre dei miei film preferiti di quest’anno, due dei quali presenti nel mio pezzo su top e flop del 2018. Con Spike Lee e Adam McKay a completare la cinquina possiamo dire che, almeno in questa categoria, comunque vada sarà un successo…

 

Previous articleOscar 2019: “Roma” e “La favorita” suonano la carica con 10 nomination
Next articleWEEKEND AL CINEMA | 12 nuove uscite dal 24 gennaio
Classe 1996, marchigiana d’origine, studia comunicazione a Roma e ha trovato il modo di coniugare la passione per il cinema e quella per la scrittura... Come? Scrivendo sul e per il cinema dal 2015. Ha all'attivo diverse esperienze sul set, con registi del calibro di Matteo Garrone, e sogna un giorno di veder realizzato il suo film.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here