“Notti in bianco, baci a colazione”: una commedia gradevole e leggera

Famiglia, lavoro precario e artistico, rapporti di coppia nel film di Francesco Mandelli

Un film di Francesco Mandelli. Con Alessio Vassallo, Ilaria Spada, Giordano De Plano, Tess Masazza, Niccolò Senni. Commedia, 90′. Italia 2021

Matteo, architetto con un lavoro solido nella pubblica amministrazione, ha sempre avuto il sogno di diventare disegnatore di fumetti, e l’incontro con Paola, scrittrice e fumettista affermata, lo spinge a coronarlo. Da stipendiato statale Matteo diventa però libero professionista pagato in modo discontinuo, nonché marito di Paola, che lavora di notte e guadagna più di lui, e padre delle loro tre figlie di 2, 6 e 9 anni. L’uomo si occupa della casa, delle bambine e di due cani, cui se ne aggiungerà una terza, Athena, particolarmente indisciplinata. Ma un altro incontro, con una sua ex stagista diventata talent scout per una famosa casa editrice francese di fumetti, metterà in gioco il rocambolesco equilibrio domestico.

 

Adattamento dell’omonimo romanzo che ha dato inizio alla carriera di scrittore di Matteo Bussola, già noto per la sua pagina Facebook, “Notti in bianco, baci a colazione” di Francesco Mandelli è una commedia gradevole e leggera, che racconta cosa significa essere padre, marito e lavoratore autonomo oggi. 

Matteo (Vassallo) ha quarant’anni, tre figlie e due cani. La sua seconda vita, quella di marito, padre a tempo pieno e libero professionista, è iniziata quando si è innamorato di Paola (Spada), affermata scrittrice e fumettista, ha lasciato il suo lavoro solido nella pubblica amministrazione e l’ha seguita in una casa in mezzo al verde. 

Mentre lei lavora (di notte) e guadagna più di lui, lui si occupa della casa, delle bambine e degli animali. Nel frattempo porta anche avanti il suo sogno lavorativo: pubblicare un fumetto con protagonista un eroe di sua invenzione. 

Con un linguaggio vivace e diretto che traduce perfettamente lo stile del suo autore, “Notti in bianco, baci a colazione” è un’opera leggera e divertente che parla in modo semplice di famiglia, lavoro precario, rapporti di coppia, ma anche di ciò che si aspira a diventare e di ciò che si diventa semplicemente perché la vita sceglie per noi.

La sceneggiatura di Salvatore De Mola, realizzata con la collaborazione dello scrittore Bussola, di Paola Barbato e del regista Mandelli, riesce a restituisce la vivacità del romanzo, rendendo la sua scrittura ancor più cinematografica e fumettistica (grazie ad esempio alle onomatopee disegnate sullo schermo e agli split screen verticali e orizzontali).

Alessio Vassallo e Ilaria Spada sono credibili nei ruoli dei protagonisti Matteo e Paola, partner affiatati che si confrontano con le difficoltà tipiche delle coppie dove i ruoli tradizionali si invertono, con lei che “porta i pantaloni” (e il grosso delle entrate familiari) e lui che si barcamena come “casalinga disperata”.

Nota di merito anche per le tre giovanissime interpreti delle sorelle Melania, Ginevra e Virginia, rispettivamente Ambra Belmonte, Aurora Menenti e Agnese Maselli.

“Notti in bianco, baci a colazione” è un film ben costruito, intenso, vivido, che riesce a trasmettere messaggi che appartengono alla nostra vita. La storia, in ultima analisi, parla di scelte. Non di quelle estreme, ma di quelle semplici, che compiamo tutti i giorni, e che ci permettono di capire ciò che conta davvero. 

Previous article“Ron – Un amico fuori programma”: una storia di amicizia universale
Next articleOroscopo letterario: Scorpione
Campana doc, si laurea in scienze delle comunicazioni all'Università degli studi di Salerno. Internauta curiosa e disperata, appassionata di cinema e serie tv, pallavolista in pensione, si augura sempre di fare con passione ciò che ama e di amare fortemente ciò che fa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here