Pasqua 2022: ecco come sono nate cinque famose tradizioni festive

Dalle uova cotte e decorate con vivaci colori e motivi ai coniglietti di cioccolato cavi all'interno

Pasqua è alle porte, e dopo due anni di restrizioni e tradizioni adattate alla situazione e alle nuove norme, si torna a respirare una vera aria di festa. C’è chi resta in città e passerà la giornata con la famiglia, chi invece ha già fatto le valigie e si sta godendo qualche giorno di relax “fuori porta”.

Ma ovunque vi troviate, ci sono tradizioni immancabili, quando si parla di Pasqua. Ma vi siete mai chiesti come sono nate? Perché le persone decorano le tavole con uova colorate, ad esempio? Riprendendo un pezzo di mental_floss scopriamo insieme le origini di 5 famose tradizioni pasquali.

 

1. UOVA DECORATE

La tradizione di decorare uova di tutti i tipi, probabilmente risale agli antichi pagani. Le uova rappresentano la rinascita e la vita, quindi sono state associate anche alla primavera. Per celebrare l’arrivo della nuova stagione, gli antichi coloravano le uova e le regalavano ad amici e familiari. I cristiani hanno poi ripreso la tradizione. Secondo alcune leggende, invece, tutto è iniziato con Maria o con Maria Maddalena. Narra la storia che Maria aveva con sé delle uova durante la Crocifissione, il sangue di Cristo colò su di loro e le colorò di rosso. Secondo altri, la Maddalena comprò un cestino di uova da dividere con gli altri apostoli che pregavano sulla tomba di Gesù, tre giorni dopo la sua morte. Quando tornarono al sepolcro e lo trovarono vuoto, le uova di colorarono di rosso.

2. IL CONIGLIO PASQUALE

Di primo acchito, non è facile immaginare cosa un coniglio gigante abbia a che spartire con una festività religiosa. Ma ancora una volta, questa tradizione sembra risalire ai pagani. Prima del Cristianesimo si venerava una dea della fertilità di nome Eostre, e i conigli sono celebri principalmente per la loro fertilità. Quindi molto probabilmente il coniglio è arrivato fino ai giorni nostri per questa loro caratteristica.

 

3. CONIGLIETTI DI CIOCCOLATO

Adesso che sappiamo perché la Pasqua è associata ai conigli, quelli di cioccolato che si vedono in giro hanno senso. Ma perché così tanti sono cavi all’interno? No, non è soltanto per far disperare i bambini, soprattutto da piccoli. Secondo la R.M. Palmer, una delle più antiche produttrici di coniglietti di cioccolato negli Stati Uniti, il fatto di essere vuoti è dovuto ai denti. “Un coniglietto di cioccolato ripieno sarebbe come un mattone, potrebbe spezzare i denti”. Naturalmente c’è anche la questione economica: prezzi ragionevoli per coniglietti fantastici, dato che sono cavi.

4. I VESTITI NUOVI DI PASQUA

Secondo una vecchia superstizione, indossare abiti nuovi per Pasqua garantisce buona sorte per il resto dell’anno. Potreste dire che anche questo ha a che vedere con il rinnovamento e la rinascita, ma sembra più che altro la scusa perfetta per fare del sano shopping.

 

5. LANCIO DELLE UOVA

In questo gioco, due contendenti battono il fondo del rispettivo uovo uno contro l’altro per vedere quale resta intero e quale si rompe. Apparentemente la tradizione risale al Medioevo, ma oggi negli Stati Uniti viene presa molto sul serio. Ci sono famiglie che si preparano con mesi di anticipo, dando alle galline granaglie speciali per cercare di produrre uova più resistenti.

 

Ed eccoci alla fine di questa simpatica rassegna di tradizioni pasquali, e relative notazioni storiche, religiose o mitologiche. Quali sono le vostre, quelle a cui non potete proprio rinunciare? Fatecelo sapere nei commenti o sui social. 

Previous article“Una madre, una figlia”: un ritratto senza concessioni del Ciad di oggi
Next article“Notre-Dame in fiamme”: tra buon documentario e fiction poco riuscita
Un portale d’informazione che si occupa di cultura e spettacolo a 360°, con un occhio di riguardo per il mondo dei libri e dell’editoria, per il cinema, la televisione, l’arte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here