“Passage to Mars”: un’avventura mozzafiato sognando il pianeta rosso

Un documentario che spazia dalla Terra allo spazio, ma che non affascina quanto avrebbe potuto

Un film di Jean-Christophe Jeauffre. Con Zachary Quinto, Charlotte Rampling, Pascal Lee,  Buzz Aldrin, John Schutt. Documentario, 94′. USA 2016

Prima che l’uomo possa arrivare su Marte, deve conquistare l’Artico. Il film è la storia vera di sei uomini che intraprendono un viaggio insidioso di 2.000 miglia attraverso la tundra proibita del Passaggio artico a nord-ovest, un viaggio alieno sul pianeta Terra progettato per preparare gli astronauti della NASA per un’eventuale missione su Marte. Una spedizione che sarebbe dovuta durare solo poche settimane, diventa un’odissea di due anni: l’equipaggio dovrà superare sfide apparentemente insormontabili e condizioni potenzialmente letali se sperano di realizzare i loro sogno di raggiungere un giorno il pianeta Rosso.

 

Creare un documentario che sia esplicativo e affascinante allo stesso tempo è estremamente complicato. “Passage to Mars” di Jean-Christophe Jeauffre ne è la conferma.

Il racconto, o per meglio dire il resoconto, del viaggio che sei uomini intraprendono attraverso la tundra del Passaggio artico a Nord Ovest, con l’intenzione di ricreare l’ostile ambiente di Marte che gli astronauti della NASA si troverebbero davanti nel caso di una missione sul pianeta rosso, non è affascinante quanto potrebbe essere.

Per quanto si serva di un’ambientazione unica ed estasiante e il senso del racconto sia interessante e chiaro fin da subito, la storia, almeno nel modo in cui viene narrata, non possiede il mordente necessario a catturare l’attenzione dello spettatore, che finisce per concentrarsi spesso più verso ciò che vede che verso ciò che dovrebbe comprendere.

Realizzato sotto forma di diario, con la voce narrante dello stesso regista, unico intruso all’interno del gruppo di professionisti, “Passage to Mars” risulta davvero interessante solo per la prima mezz’ora, dopo è un ripetersi di situazioni – con l’esperimento di attraversamento del Passaggio a Nord Ovest che viene tentato una seconda volta, dopo i problemi tecnici dell’anno prima.

Quando poi, sul finale, compaiono le immagini che arrivano direttamente da Marte diverse cose si fanno chiare. Il fascino del pianeta rosso catalizza così tanto l’attenzione – e la fantasia! – che nessuna spedizione al polo nord, per quanto avventurosa, riesce a reggere il confronto.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here