“Ralph Spacca Internet”: a tu per tu con i registi e le voci italiane del film

Il secondo capitolo della serie arriva al cinema il 1 gennaio 2019, tra amicizia, Principesse e Internet

Il personaggio dei videogiochi Ralph e la sua piccola compagna d’avventure Vanellope von Schweetz stanno per tornare sul grande schermo, dopo il grande successo ottenuto nel 2012. Con “Ralph spacca Internet”, nei cinema italiani dal 1 gennaio 2019, i due lasceranno la sala giochi per avventurarsi nel grande, inesplorato ed elettrizzante mondo di Internet.

Abbiamo incontrato a Roma i registi Premio Oscar per “Zootropolis” Rich Moore e Phil Johnston. È proprio Moore a raccontare quanto difficile sia stato creare e personificare lo straordinario mondo di Internet.

“L’idea di personificare questo micro-cosmo nasce nel primo film, quando abbiamo reso la sala giochi un mondo visitabile. Ovviamente, con internet l’impresa si è rivelata più difficile perché ci sembrava una piattaforma estremamente astratta. Tuttavia, parlando con degli esperti, ci siamo resi conto che anche il web può essere considerato concreto e l’abbiamo rappresentato come una città antica, come Roma. Quindi c’è il centro, la parte da cui tutto ha origine, e come una sfera che poi si espande: le cose più storiche sono nel centro, le cose più recenti sono su questo orizzonte che si sta espandendo, come Google.”

Ma “Ralph spacca Internet” è anche e soprattutto la storia d’amicizia tra Ralph e Vanellope, come specificato da Johnston.

“Internet è un mondo talmente vasto ed in espansione che, probabilmente, mentre ne stiamo parlando è già cambiato qualcosa. Proprio per questo la cosa più importante per noi era avere anche una storia, quella dell’amicizia, che potesse invece durare anche 100 anni, perchè gli amici esisteranno sempre, avranno sempre i loro problemi, i loro alti e bassi. Con il passare degli anni la storia che raccontiamo rimarrà universale e attuale, la parte emotiva del film non potrà mai essere soprafatta dai cambiamenti tecnologici.”

Il tema dell’amicizia è sicuramente ciò che ha maggiormento colpito Francesca Michielin, che interpreta il brano contenuto all’interno del film.

“Ho fatto questa nuova esperienza con il cinema, molto divertente e molto tosta. L’adattamento non è facile: bisogna rispettare il senso del brano e trasmettere il messaggio. Ho cercato di trasmettere l’amicizia tra Ralph e Vanellope, e il fatto che quando sei amico di qualcuno devi anche saperlo lasciare andare, perché non è detto che due amici debbano sempre stare appiccicati.”

Non mancano naturalmente i riferimenti ai pericoli e agli aspetti negativi della rete, come quando Ralph incontra degli haters. Ma il mondo descritto corrisponde davvero alla realtà? Per Salvatore Aranzulla, divulgatore informatico, sì.

“Assolutamente. Per la prima volta, in un film Disney, ci sono riferimenti a siti realmente esistenti, Ebay, Google, Amazon. Ralph sta effettivamente navigando. Io ho avuto l’opportunità di doppiare il pop up, una pubblicità che disturba Ralph quando si collega a Internet. È stata un’esperienza pazzesca, soprattutto rivedere la mia voce nel personaggio di un cartone animato, però tutto quello che viene mostrato è vero, dal mio punto di vista.”

Concordano con lui gli youtuber LaSabri e Favij. “Nel film viene rappresentato Internet per quello che è effettivamente, con pregi e difetti. Penso che un ragazzino che vede questo film possa capire diverse cose”.

Tra tutti i momenti del film c’è sicuramente una scena attesissima e molto divertente, destinata a diventare cult: tutte le principesse Disney vengono riunite in un’unica stanza. Ne ha parlato Rich Moore, con un certo orgoglio.

“È stato strano perché sono personaggi iconici – come se mettessimo insieme Judy Garland dal Mago di Oz, Marylin Monroe da Gli uomini preferiscono le bionde e Anita Eckberg da La dolce vita. A differenza da qualsiasi altro studio abbiamo la possibilità di lavore con personaggi anche datati, e modernizzarli. Un’attrice mi ha detto: ‘È così bello che abbiamo le principesse con cui mia madre è cresciuta, quelle con cui sono cresciuta io e quelle con cui è cresciuta mia nipote’. Una cosa iniziata un po’ come uno scherzo tra di noi è diventata molto più profonda, non solo la scena ma anche la creazione e la produzione. Chi l’avrebbe detto che un film di Ralph Spacca Tutto avrebbe portato a una simile evoluzione.”

E le voci italiane di alcune delle principesse cosa ne pensano?

“È stato divertente ritrovare Anna, che mi è mancata, anche se pare che tornerà tra poco – ha raccontato Serena Rossi, doppiatrice della rossa principessa di Frozen. – È bello vederle tutte insieme anche se in una veste diversa, autoironiche, chiuse in questa stanza. È stato molto esilarante, mi ha fatto ridere, riflettere e commuovere sul finale. E ovviamente è stato bello condividere questa esperienza con tante giovani colleghe.”

“È bellissimo vederle scoprire il loro vero amore, il pigiama, fuori dal castello e dal loro ruolo tradizionale – ha aggiunto Nicoletta Romanoff, che presta la voce ad Aurora. – Sono delle ragazze come lo siamo tutte quando siamo tra amiche, ci togliamo la maschera. È stato davvero divertente e poi vedrete che queste Principesse hanno un ruolo chiave nel film.”

“Io interpreto Jasmine – ha concluso la principessa tra le principesse, Mélusine Ruspoli. – Penso che si avvicini molto a me, ha questa sete di conoscere il mondo ed è molto avventurosa e coraggiosa, io mi ci rispecchio. Io sono una principessa moderna, devo farmi strada da sola. Ma tutte le ragazze sono Principesse”.

Non ci resta che aspettare il 1 gennaio per vedere al cinema “Ralph spacca Internet” che, come il primo capitolo della serie, promette di essere esilarante, visivamente unico e ricco di personaggi e messaggi importanti.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here