“Ratched”: Sarah Paulson protagonista assoluta – e inquietante

La serie diretta da Ryan Murphy e distribuita da Netflix è ben costruita ma non entusiasmante

Una serie diretta da Ryan Murphy. Con Sarah Paulson, Finn Wittrock, Cynthia Nixon,
Jon Jon Briones, Charlie Carver, Judy Davis, Sharon Stone.
Drammatico. USA, 2020-in produzione

 

Mildred Ratched è un’ambiziosa infermiera che, nel 1947, riesce a farsi assumere nel centro psichiatrico gestito dal dottor Richard Hanover, dove vengono attuate pratiche sperimentali molto cruente per curare la mente. Mildred ha un aspetto perfetto, ma entrando sempre di più nel sistema sanitario della struttura viene a galla il vero motivo per il quale è andata a lavorarci…

Partendo dal romanzo “Qualcuno volò sul nido del cuculo” di Ken Kesey, e dopo aver ideato per Netflix la miniserie di successo “Hollywood”, Evan Romansky idea questo drama americano che, partendo dalla storia della perfida infermiera, costruisce un viaggio nella malattia mentale e nella medicina “alternativa” del secondo dopoguerra. Dietro la macchina da presa siede Ryan Murphy.

Passino gli sgargianti colori pastello e la volontà di rendere Sarah Paulson la protagonista assoluta (una scelta che paga, dal momento che lei è decisamente la migliore delle attrici in scena, almeno fino a quando non compare Sharon Stone), ma quando le scene cruente diventano l’oggetto dell’intera narrazione diventa difficile non essere infastiditi.

“Ratched” ha un’impostazione molto lenta; la visione risulta spesso noiosa e non riesce né a sorprendere lo spettatore né ad affascinarlo, nonostante la sceneggiatura sia effettivamente lineare e ben costruita, con tutti i pezzi del puzzle che si incastrano alla perfezione.

I personaggi sono ben delineati, coerenti sia nella propria storyline che in rapporto uno con gli altri. Questo emerge soprattutto nella seconda metà della stagione, quando le presentazioni si sono esaurite e la trama può dispiegarsi liberamente, e in parte risolleva le sorti di una serie per adesso priva di mordente.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here