Reading Challenge 2015: Un libro che è diventato un film

Le pagine della nostra vita, Nicholas SparksAvevo questo romanzo in libreria da un po’ di tempo, ma avendo una wish list molto lunga ho rimandare spesso la sua lettura. Una volta scelto di iniziarlo l’ho poi terminato in mezza giornata, dal momento che è molto breve.

Come immagino la maggior parte di voi, ho visto il film ispirato al libro, di cui mi sono letteralmente innamorata. È in seguito a questa pellicola che ho cominciato a seguire Ryan Gosling, che è entrato di diritto nella Top Ten dei miei attori preferiti.

Ma torniamo al libro. Ho scelto “Le pagine della nostra vita” di Nicholas Sparks per la Reading Challange 2015 (potete leggere qui di cosa si tratta), andando a barrare la terza voce della lista: “Un libro che è diventato un film”.

I fatti narrati si svolgono nel North Carolina nel 1946. Il giovane Noah, tornato nel paese natale dopo la guerra, realizza il sogno di abitare nella grande casa vicina al fiume, da lui riportata all’antico splendore grazie a una ristrutturazione. Per rendere il quadro perfetto, però, manca Allie, la ragazza conosciuta, e amata disperatamente, un’estate di alcuni anni addietro e mai più ritrovata.

Un giorno, però, lei ricompare, per vederlo un’ultima volta prima di sposarsi. Gli avvenimenti che seguono il loro incontro cambieranno il corso della vita di entrambi.

Che dire, sicuramente il libro riesce a coinvolgere, tanto che ogni lettrice avrà sognato di essere al posto di Allie – amata senza nessuna misura, voluta e desiderata senza porsi il problema di ostacoli e differenze sociali.

Finito il libro hai il cuore pieno di emozioni, così come gli occhi sono pieni di lacrime. Non necessariamente, però, si tratta di lacrime di tristezza. Perché anche se nel romanzo c’è molta sofferenza c’è anche tanta speranza. Un amore senza tempo e senza confini è possibile, e dopo aver letto “Le pagine della nostra vita” ci crediamo tutti un po’ di più.


 

Previous articleOne woman show oltre John Lennon: Yoko Ono in mostra al MoMA
Next articleQuando la biblioteca richiama più turisti di musei, zoo e parchi
Avatar
Ligure di origini, vive in provincia di Novara da tre anni a questa parte per amore e per lavoro. Mamma blogger, adora il cinema, la lettura, l’arte e la moda. Scrive per diverse testate e spera in futuro di portare avanti un progetto tutto suo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here