Rocco Schiavone: Marco Giallini è il vicequestore fuori dalla legalità

Una miniserie ispirata al personaggio dei romanzi di successo di Antonio Manzini editi da Sellerio

Una serie ideata da Antonio Manzini, Maurizio Careddu. Con Marco Giallini, Ernesto D’Argenio, Claudia Vismara, Isabella Ragonese, Francesca Cavallin. Poliziesco, drammatico. 2016 Italia

1 stagione – 6 episodi (100′)

 

Perché tradire l’amato Montalbano per seguire un personaggio più scorretto e cinico? Perché spostarsi dalla bella e soleggiata Sicilia alla fredda e silenziosa Valle D’Aosta?Perché, caro teledipendente, mercoledì 9 novembre dovresti accendere la TV, sintonizzarti su Rai2 e appassionarti alle indagini e alla vita del vicequestore Rocco Schiavone (Giallini)?

Sono tutte domande lecite per chi non ha mai letto una pagina dei romanzi di Antonio Manzini, da cui è tratta la serie, che negli ultimi anni hanno appassionato milioni di lettori, diventando un vero caso editoriale.

Mamma Rai, fiutando una nuova gallina dalle uova d’oro, ha deciso di portare sul piccolo schermo le storie di Schiavone che, diciamolo subito, è in qualche modo il fratello minore del personaggio creato da Andrea Camilleri.

Entrambi innamorati della loro casa – uno di Vigata, l’altro di Roma -, li distingue il fatto che mentre Salvo è sempre riuscito a evitare promozioni e trasferimenti, Rocco, a causa del suo carattere scorbutico e di una sensibilità che ricorda quella di Dottor House, è stato trasferito d’autorità in Valle D’Aosta.

Romano e romanista, abituato ai colori, al caos e soprattutto al calore della capitale, il poliziotto vive l’esilio montanaro come una punizione quasi divina.

Marco Giallini è il vicequestore scorbutico e sui generis Rocco Schiavone.

Rocco Schiavone è un tutore dell’ordine sui generis, come ha precisato Manzini in conferenza stampa, un uomo che segue il proprio codice d’onore e di comportamento, che talvolta si muove fuori dalla legalità – ama fumare erba, ad esempio.

Schiavone valuta poi le situazioni secondo una personale classifica, dove il decimo livello delle rotture di coglioni è rappresentato da un omicidio da risolvere.

Proprio questo scenario si trova davanti il protagonista in “La pista nera”, primo dei sei episodi in programma su Rai2.

Lo spettatore prende contatto con il ruvido Rocco, svegliato, mentre è in compagnia della bella Nora (Cavallin), da una telefonata notturna che segnala il ritrovamento di un cadavere su una pista nera. Come suo costume, il vice-questore affronta l’indagine in maniera diretta, utilizzando intuito e modi spicci.

Ha la fortuna di essere affiancato da Italo (D’Argenio) e Caterina (Vismara), due agenti svegli e intraprendenti, contrapposti nell’economia del commissariato a Deruta e D’Intino (Caparra e Ginepro), novelli Stanlio e Olio.

Schiavone è chiamato a risolvere un caso che ben presto rivela celare una storia di passione e infedeltà coniugale, che si fatica ad ambientare nella fredda Aosta per i toni e lo svolgimento molto caldi.

Antonio Manzini, Rocco Schiavone
Lo scrittore Antonio Manzini.

Premettiamo che adattare per il piccolo o il grande schermo un romanzo di successo senza tradire le aspettative dello spettatore/lettore è sempre un’impresa difficile.

In questo caso, farà ben sperare l’appassionato il fatto di avere tra gli sceneggiatori della serie anche l’autore dei libri, Antonio Manzini. In effetti la drammaturgia televisiva segue senza grandi stravolgimenti quella del romanzo, creando, soprattutto nella seconda parte della puntata, un certo coinvolgimento.

Il problema è semmai nello sviluppo degli altri personaggi, quelli intorno a cui si muove il protagonista. Anche se siamo solo al primo episodio e sicuramente ci sarà modo per ogni carattere di crescere sul piano narrativo e per ogni attore di dimostrare il proprio valore, si avverte un netto stacco qualitativo rispetto ad esempio, per restare in tema, ai comprimari della serie di Montalbano, unici e validissimi, amati dal pubblico quanto se non più dello stesso commissario.

Un discorso a parte lo merita Isabella Ragonese nel ruolo di Marina, moglie di Rocco. Senza voler svelare nulla della sua mission narrativa, è impossibile non notare la performance di qualità dell’attrice, capace di incarnare con talento l’unica donna in grado di toccare il cuore del rude Rocco. Le scene tra Giallini e la Ragonese sono ben costruite, dirette e soprattutto interpretate magistralmente, regalano al pubblico commozione e malinconia allo stesso tempo.

Marco Giallini è nel complesso un buon Rocco Schiavone; affronta lo scomodo ruolo con personalità, esperienza e coraggio. Parte lento e forse un po’ impacciato – schiacciato dalla responsabilità, magari? – ma scena dopo scena carbura, trovando il giusto equilibrio recitativo e dando al personaggio anima e spigolature caratteriali credibili.

Il tempo e soprattutto l’Auditel ci diranno se Schiavone conquisterà, dopo i lettori, anche la platea televisiva. Sicuramente possiamo dire già da adesso che ogni telespettatore considererà di usare il metodo del commissario, schietto e sincero, per valutare i propri crucci quotidiani.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here