“Sabriel”: recensione del romanzo fantasy di Garth Nix edito da Fazi

Un viaggio di formazione tra Vita e Morte, magia, compagni misteriosi e nemici temibili

Una giovane capace di accompagnare i morti oltre l’ultima porta, con l’aiuto di sette mistiche campane. Un principe spadaccino intrappolato per duecento anni nella polena di una nave. Un gatto bianco che è molto più di ciò che sembra. Cartaplani volanti e mostri spaventosi: in Sabriel” di Garth Nix, in uscita per Fazi oggi, 6 maggio, troverete tutto questo e molto di più… 

Sabriel studia in un prestigioso college per sole ragazze non lontano dal Muro che divide il territorio di Ancelstierre dal magico e pericoloso Vecchio Regno, dove suo padre ricopre la carica di Abhorsen, il protettore che ha il compito di impedire ai morti di tornare nel mondo dei vivi. Da quando la famiglia reale è decaduta, i morti sono diventati sempre più forti e intrepidi, minacciando di sopraffare l’intero regno.

Quando il padre viene imprigionato nel mondo della Morte da una pericolosa creatura, Sabriel si mette in viaggio per salvarlo. Lungo la strada, troverà come compagni di viaggio Mogget, un antico spirito costretto nella forma di un gatto bianco, e il giovane mago Touchstone, che verrà liberato da un incantesimo durato decenni ma rimarrà intrappolato sotto il peso di dolorosi ricordi.

Ogni passo nelle profondità del Vecchio Regno li avvicinerà a minacce mai viste prima, che costringeranno Sabriel ad affrontare il proprio destino in una battaglia con le vere forze della vita e della morte. Chi proteggerà i vivi quando i morti torneranno?

Pubblicato in prima edizione nel 1995 e primo di una serie di fantasy ambientati nel magico e misterioso Vecchio Regno, “Sabriel” è un romanzo intrigante, dalla struttura molto classica. La protagonista appena 18enne viene chiamata a compiere un pericoloso viaggio di formazione, mentre cerca di salvare il padre. Durante il cammino, aiutata da un mago con un passato doloroso e da un gatto bianco che in realtà è uno spirito millenario intrappolato, si trasformerà da apprendista a protagonista.

Lo sviluppo di Sabriel e in generale la caratterizzazione dei personaggi – Mogget e Touchstone soprattutto – è convincente e tutto sommato credibile. Quello che mi ha colpita in senso negativo sin dalle prime pagine del libro, è il fatto che Nix dia molte cose per scontate – forse un po’ troppe. Il lettore viene letteralmente gettato nel Vecchio Regno senza averne alcuna conoscenza preliminare, e molti concetti, elementi e luoghi vengono nominati senza alcuna contestualizzazione.

L’approccio, per certi versi, ricalca quanto vissuto da Sabriel stessa, che dall’età di 5 anni ha vissuto ad Ancelstierre e quindi è, per sua stessa ammissione, molto ignorante sulla storia, la geografia e le tradizioni della sua terra di origine, però talvolta si avverte la sensazione di saperne di più. In certi casi qualche parola di spiegazione sarebbe stata utile, a mio avviso.

Sabriel” è un classico fantasy young adult – non voglio dire che sia un difetto, solo che un lettore “maturo” potrebbe non trovarlo poi così avvincente e coinvolgente. Una protagonista giovane chiamata a crescere in fretta; un viaggio di formazione attraverso luoghi magici. Un villain disposto a tutto per portare a termine il suo diabolico piano; aiutanti, con backstory interessanti, va detto; un abbozzo di storia d’amore… non manca proprio niente! 

Garth Nix attinge a piene mani da letteratura e mitologia, ma se alcuni elementi sono solo accennati – penso ad esempio alla scuola dove Sabriel ha studiato da quando era bambina, più una scenografia che altro – altri hanno del bel potenziale. Le descrizioni del Vecchio Regno, soprattutto quelle delle città, mi hanno fatto pensare ai regni degli uomini del Signore degli anelli; Ancelstierre a una versione del nostro mondo anni ’40/50. L’accostamento tra i due funziona. E poi c’è l’interessante capacità della protagonista di “scivolare” nella Morte, con l’Oltretomba immaginato in senso molto classico. 

La storia scorre tutto sommato a un buon ritmo, nonostante la sensazione che a Sabriel ne succeda una dopo l’altra, senza un attimo di tregua, e si arriva al finale con il desiderio di capire come si risolverà il conflitto con il temibile Kerrigor. Lo scontro finale è a suo modo toccante, e la soluzione sorprendente (punto a favore di Nix, non era facile immaginare qualcosa di “nuovo”).

L’Epilogo è un po’ frettoloso, per come l’ho visto io, e lascia una sensazione di sospensione… dopo tante avventure e disavventure un commiato più degno, forse, Sabriel se lo sarebbe meritato. Toccherà aspettare il prossimo capitolo della serie, “Lirael” – pubblicato in prima edizione nel 2001. Ma già vi avviso che, lì, da queste vicende sono passati oltre dieci anni… 

Previous articleWEEKEND AL CINEMA | 14 nuove uscite al cinema dal 5 maggio 2022
Next article“Gli Stati Uniti contro Billie Holiday”: la ballata di una donna, di una guerriera
Giornalista per passione e professione. Mamma e moglie giramondo. Senese doc, adesso vive a Londra, ma negli ultimi anni è passata per Torino, per la Bay area californiana, per Milano. Iscritta all'albo dei professionisti dal 1 aprile 2015, ama i libri, il cinema, l'arte e lo sport.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here